BenesserePerchè abbiamo bisogno di dormire nella totale oscurità

25/03/2019 - 13h

Dobbiamo mantenere le n. ostre stanze il più buio possibile di notte ed evitare la luce blu prima di andare a letto. La camera da letto moderna è piena di luci e gadget elettronici, dai monitor dei computer alle radiosveglia, oltre naturalmente allo smartphone quasi onnipresente che vibra e splende accanto al letto.

Ciò che la scienza deve dirci, tuttavia, è che l'esposizione cronica alla luce di notte porta a una serie di problemi di salute. Per capire perché l'esposizione cronica alla luce notturna è così grave, bisogna considerare l'evoluzione umana.

Prima della fine dell'età della pietra, gli esseri umani sono stati esposti solo per due diversi tipi di luce naturale, responsabili della regolazione del ritmo circadiano, durante il giorno, aveva il sole, mentre di notte, c'era la luna e le stelle, e forse la luce dei falò. Questo schema binario giorno/ notte ha costituito il nostro intero programma biologico.

Oggi abbiamo illuminazione artificiale di notte. Questa illuminazione interna è molto meno potente rispetto la luce del sole, ma ancora molti ordini di grandezza superiore alla luce delle stelle e della luna, una differenza che influenza una serie di reazioni biochimiche criticità legate alla frequenza della luce, compresa la produzione di cortisolo e melatonina.

La soppressione della melatonina è la chiave per capire molto del perché queste luci fanno male a noi. Questo composto biochimico è prodotto dalla ghiandola pineale del cervello di notte, quando è buio, per regolare il nostro ciclo sonno-veglia.

Riduce la pressione sanguigna, i livelli di glucosio e la temperatura corporea, le risposte fisiologiche che sono principalmente responsabili di un sonno ristoratore. La parte del cervello che controlla l'orologio biologico è il nucleo soprachiasmatico (SCN), un gruppo di cellule nell'ipotalamo.

Queste cellule rispondono a segnali chiari e scuri. I nervi ottici nei nostri occhi percepiscono la luce e segnalano, dicendo al cervello che è ora di svegliarsi. Questi segnali iniziano anche altri processi, come l'aumento della temperatura corporea e la produzione di ormoni come il cortisolo (quello dello stress).

I nostri livelli di cortisolo sono relativamente bassi durante la notte, permettendoci di dormire, e più alti durante il giorno, consentendo la stabilizzazione dei livelli di energia e la modulazione della funzione immunitaria.

Se questo articolo ti è piaciuto, lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!

Tags
curiositàdormirebuionottesonnomelatoninaluci
Loading...