CuriositàIl cervello può essere addestrato per curare le malattie, lo rivela uno studio

19/04/2019 - 20h

Hai mai immaginato come sarebbe se potessimo curare le nostre stesse malattie con il potere del nostro cervello?

Sembra incredibile, ma allo stesso tempo un'idea molto lontana della realtà a cui siamo abituati.

Fortunatamente, la scienza è sempre un passo avanti e ogni giorno presenta nuove scoperte che possono trasformare il modo in cui vediamo noi stessi e la realtà del mondo che ci circonda.

Gli scienziati brasiliani hanno recentemente svolto un lavoro che ha raggiunto un risultato impressionante e potrebbe essere il primo passo verso un nuovo approccio al trattamento delle malattie che colpiscono molte persone in tutto il mondo come l'ictus, il morbo di Parkinson e persino la  depressione .

Presentarono una tecnica di allenamento del cervello che permetteva di modificare le connessioni neuronali in tempi record. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Neuroimage.

La neuroplasticità, cioè la capacità di adattamento del cervello, è ciò che consente l'apprendimento e la memoria dell'essere umano. Quando capiremo meglio come funzionano le connessioni e le interazioni nel cervello, è più facile capire i nostri comportamenti, le nostre emozioni e anche le malattie che ci riguardano.

"Tutto ciò che siamo, fa, sente, tutto il nostro comportamento è un riflesso del modo in cui funziona il nostro cervello", ha detto Theo Marins, uno degli autori dello studio. Spiega inoltre che alcune malattie influenzano direttamente il funzionamento del cervello e che se impariamo a insegnare a comportarsi nel modo giusto, possiamo ridurre la sofferenza causata da molte malattie.

Poiché questo è un territorio a noi sconosciuto, è stato necessario sviluppare uno strumento che ci permettesse di comprendere meglio tutte queste dinamiche.

Così è arrivato il neurofeedback, un allenamento che consente di modificare alcune connessioni del nostro cervello.

neuroscienziati brasiliano Istituto D'OR dell'Istruzione e della Ricerca e l'Università Federale di Rio de Janeiro (UFRJ) ha condotto uno studio che ha dimostrato che, attraverso neurofeedback è possibile produrre i cambiamenti desiderati in un breve periodo, a meno di un'ora.

Il cervello può essere addestrato

Theo Marins / Instituto D'OR

L'esperimento è stato eseguito con l'aiuto di 36 volontari, sottoposti a risonanza magnetica. L'attività neurale mostrata nell'esame è stata trasformata in immagini presentate in computer, in base all'intensità . I volontari guardavano le immagini in tempo reale e imparavano così in pratica come controllare la propria attività cerebrale.

Dei 36 volontari, 19 hanno ricevuto la formazione effettiva e 17 sono stati sottoposti a false informazioni, che fungevano da placebo. Le immagini del cervello dei volontari sono state registrate prima e dopo l'allenamento, così i ricercatori sono stati in grado di misurare meglio le comunicazioni e le connessioni attraverso il cervello. L'obiettivo era osservare come le reti neurali fossero influenzate dal neurofeedback.

Dopo aver confrontato come funzionava il cervello, prima e dopo l'allenamento, gli scienziati giunsero alla conclusione che il corpo calloso (il principale ponte di comunicazione tra gli emisferi sinistro e destro) era strutturalmente più robusto. Aggiunto a questo, anche la comunicazione funzionale è migliorata. Secondo gli scienziati, l'intero sistema di comunicazione del cervello si è rafforzato.

"Sapevamo che il cervello ha una fantastica capacità di modifica. Ma non eravamo così sicuri di poterlo vedere così velocemente", afferma Theo Marins. 

Neurofeedback, o allenamento del cervello, ha dimostrato di essere un ottimo strumento per lo sviluppo della neuroplasticità. Il passo successivo degli scienziati è quello di utilizzare la formazione per aiutare i pazienti che hanno sofferto di ictus o che sono stati diagnosticati con il morbo di Parkinson e anche con la depressione per modificare la loro funzione motoria.

"Il passo successivo è quello di scoprire se i pazienti affetti da disturbi neurologici possono anche beneficiare di neurofeedback, se è in grado di ridurre i sintomi di queste malattie", ha commentato radiologo Fernanda Tovar Moll, presidente dell'Istituto D'OR, e ha aggiunto: " Abbiamo ancora una lunga strada da percorrere per protocolli specifici. Più comprendiamo i meccanismi, più terapie possiamo sviluppare ".

Che incredibile! Una grande scoperta che può cambiare completamente il modo in cui trattiamo le malattie e preserviamo la nostra salute in tutti gli ambiti della vita.

Condividi la notizie con i tuoi amici sui social network!

Tags
cervelloaddestratovitamalattiecura
Loading...