Salute

La depressione postpartum può persistere tre anni dopo il parto

Uno studio del National Institutes of Health su 5.000 donne ha rilevato che circa 1 su 4 ha sperimentato alti livelli di sintomi depressivi ad un certo punto nei tre anni successivi al parto. 

Il resto delle donne ha sperimentato bassi livelli di depressione durante il periodo di tre anni. Lo studio è stato condotto dai ricercatori del National Institute of Child Health and Human Development (NICHD) Eunice Kennedy Shriver di NIH. Appare sulla rivista Pediatrics.

L'American Academy of Pediatrics raccomanda che i pediatri esaminino le madri per la depressione postpartum agli appuntamenti per l'assistenza all'infanzia uno, due, quattro e sei mesi dopo il parto.

I ricercatori hanno identificato quattro traiettorie dei sintomi depressivi postpartum e i fattori che possono aumentare il rischio di una donna di avere sintomi elevati.

I risultati suggeriscono che estendere lo screening per i sintomi depressivi postpartum per almeno due anni dopo il parto può essere utile, scrivono gli autori.

"Il nostro studio indica che sei mesi potrebbero non essere abbastanza lunghi per valutare i sintomi depressivi", ha detto Diane Putnick, Ph.D., l'autore principale e scienziato del team di epidemiologia del NICHD. 

"Questi dati a lungo termine sono fondamentali per migliorare la nostra comprensione della salute mentale della madre, che sappiamo essere fondamentale per il benessere e lo sviluppo del bambino".

I ricercatori hanno valutato i sintomi delle donne utilizzando un breve questionario di screening della depressione a cinque voci, ma lo studio non ha diagnosticato clinicamente la depressione nelle donne.

Le donne con condizioni di base, come disturbi dell'umore e/o diabete gestazionale, avevano maggiori probabilità di avere livelli più elevati di sintomi depressivi che persistevano per tutto il periodo di studio.

I ricercatori hanno notato che i partecipanti allo studio erano per lo più donne bianche non ispaniche. Gli studi futuri dovrebbero includere una popolazione più diversificata e ampia per fornire dati più inclusivi sulla depressione postpartum, ha affermato il dottor Putnick.

Se questo articolo ti è piaciuto, lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!

Tags
benesseresalutedepressionepartopostdonnestudioricerca
COMMENTA