Salute

I cibi velenosi che mangi senza saperlo

La specie umana è l'unica specie che va contro i suoi istinti di sopravvivenza di base. E come tali abbiamo l'audacia di mangiare certi cibi velenosi e nocivi per la salute.

Ecco alcuni esempi:

1. Manioca

Nei paesi tropicali, la manioca è vista come la terza fonte di calorie più importante, la manioca è molto gustosa e importante per la tua dieta. Tuttavia, radici e foglie, se non eseguite correttamente, rilasciano acido cianidrico, un elemento tossico. La manioca deve essere preparata con molta attenzione e per eliminare il veleno è essenziale cuocere o fermentare la pianta ad alte temperature.

2. Mela

La mela è uno dei frutti più consumati per il prezzo economico e per la comodità di poterla mangiare in qualsiasi momento, ma i suoi semi contengono cianuro in una concentrazione minima. Quindi, ogni volta che andate a mangiare una mela, prendete i semi perché sono in grandi quantità cibi velenosi

3. Ciliegia ( Prugna, Albicocca, Pesca)

La ciliegia è un frutto molto gustoso, ma può nuocere rilasciando acido cianidrico, che provoca mal di testa, vomito e confusione mentale. Quindi, devi rimuovere per sempre la ciliegia dalla tua dieta?

No, diventa un problema solo se ingerito in quantità estremamente elevate, il che è abbastanza insolito. Il gambo della ciliegia è anche una fonte di tossina, ma di solito non viene consumato. Quindi, è uno degli alimenti velenosi che ti uccide a poco a poco, ma solo se c'è un'esagerazione da parte tua.

4. Mandorle

Nonostante siano piuttosto apprezzate per il loro gusto sorprendente, le mandorle amare contengono anche quella sostanza nociva già citata: il cianuro. Ma, calmati, la sua fabbricazione elimina ogni traccia del veleno.

Tuttavia, alcuni paesi ne vietano persino la vendita, ad esempio la Nuova Zelanda. In definitiva, è necessario cucinare correttamente e non mangiare mai troppo con questi alimenti per mantenere la salute.

5. Pepe (peperoncino o piri-piri)

Il pepe è praticamente una passione nazionale: è presente in diversi piatti e dà un tocco particolare e piccante ai cibi, rendendoli più gustosi. Ma sappi che se consumato in eccesso, il pepe può portare alla morte a causa delle tossine caratteristiche che ha.

Ciò che impedisce l'intossicazione è un'assunzione moderata, anche perché nessuno mangia un piatto pieno di pepe, giusto? La sostanza che conferisce il gusto piccante si chiama capsaicina ed è ciò che rende il pepe così attraente.

6. Pomodoro

I pomodori sono sulla tavola di milioni di persone ogni giorno. Gli steli e le foglie hanno glicoalcaloidi, che possono causare nervosismo ad alti tassi e problemi gastrointestinali.

Se si sente il bisogno di utilizzare queste parti della pianta per dare un pò di sapore in più all'insalata, è fondamentale eliminare ogni veleno prima di consumarlo attraverso un'accurata cottura.

7. Patate

La patata è un alimento che si sposa bene in quasi tutti i modi: frullato, fritto, cotto, grigliato. Ma è un altro alimento che, come i pomodori, contiene glicoalcaloidi nelle foglie, una sostanza altamente nociva.

Sebbene la foglia non venga consumata, la sostanza può anche essere nella patata stessa. Un modo efficace per identificare se ci sono glicoalcaloidi in eccesso nella patata è dovuto al suo colore: l'eccesso di sostanza rende il cibo verde.

8. Pesce

Il pesce è presumibilmente uno degli alimenti più sani da mangiare. Un'ottima fonte di proteine e molti altri nutrienti, il pesce contiene grassi omega-3 DHA ed EPA.

Tuttavia, alcuni tipi di pesce possono contenere alti livelli di mercurio, che è tossico. E l'esposizione al mercurio è stata collegata a gravi problemi di salute.

Le specie più consumate sono le sarde, il sugarello, il polpo, il nasello e il pesce spada. Il polpo e le sarde sono il pesce preferito dai portoghesi che mangiano 57 chili di pesce all'anno pro capite, un consumo che li costringe a importare i due terzi di quanto arriva ai piatti.

Quali hanno la più alta quantità di mercurio sono: squalo, pesce spada ecc.

Quelli con un'alta concentrazione di mercurio, ma inferiore ai precedenti: sgombro, corvina (dal Pacifico), merluzzo nero, branzino cileno, tonno

9. Funghi

Esistono migliaia di specie di funghi, ma solo pochi possono essere consumati dall'uomo. Lo shiitake, ad esempio, è molto apprezzato per il suo gusto caratteristico.

Ma il problema è il momento di distinguere tra funghi commestibili e funghi velenosi. Esistono modi specifici per identificare gli edibili, ma questi metodi non sono infallibili. Alcune specie di funghi possono persino essere fatali un essere umano adulto.

Se questo articolo ti è piaciuto, lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!

Tags
benesseresalutecibialimentidannosivelenosiconsigli
COMMENTA