Si scopre che i sentimenti di autocommiserazione non solo possono portarti alla depressione, ma anche causare una diminuzione dell'immunità e persino raffreddori frequenti. L'autocommiserazione crea dipendenza.   

Ognuno di noi, ovviamente, ha qualcosa di cui dispiacersi. Certo, bisogna rispettare se stessi, valorizzarsi come persona e, se possibile, proteggersi da forti shock.   

Ma l'autocommiserazione è una sensazione inattiva e deprimente. Si attira come una palude. Uno deve solo iniziare, mentre le mani cadono, le lacrime sgorgano, e ora non c'è più persona al mondo più infelice di te. Come si suol dire, l'artiglio si è bloccato. Professore di psichiatria Mikhail Vinogradov:   

L'autocommiserazione è un sentimento affettuoso e molto negativo. Una persona diventa rapidamente dipendente da esso, come da tutte le cattive abitudini. Inoltre, l'ossessione per noi stessi ci rende sempre insensibili nei confronti degli altri. Dal punto di vista della psicologia, la pietà attenua l'acutezza dello stress, ma non lo combatte, ma lo spinge nel profondo. La tensione aumenta e il risultato è un "cattivo stress" (angoscia), che dovrà essere alleviato con l'aiuto di uno specialista.  

Questo è un sentiero senza uscita, che può davvero portare solo a depressione asenica e sconvolgere completamente la tua vita. Affrontare problemi di autocommiserazione per una persona cara significa lasciarle prendere il sopravvento in anticipo.   

Al contrario, in un momento di stress bisogna raggrupparsi, chiedere aiuto a tutte le forze dello spirito, ricordare quali vittorie, anche se piccole, in questa vita hai dovuto vincere.   

Le difese del nostro corpo sono molto sensibili allo stress. È noto che con la depressione, ad esempio, l'immunità generale può diminuire fino al 70%. Con le nevrosi avanzate, una persona inizia ad avere una vera carenza di vitamine: il contenuto di vitamine C, l'intero gruppo B e l'acido folico (Sole) diminuisce drasticamente. E allo stesso tempo, tutte le sostanze utili vengono assorbite peggio. Da qui l'aspetto pallido.   

I raffreddori costanti spesso segnalano che i tuoi nervi sono al limite. La stessa sfortuna attende chi cerca di fare troppo senza dare tregua al cervello.   

A volte il corpo, per così dire, chiede il riposo a letto per semplicemente riposare. In poche parole, mettendoti a letto con infezioni respiratorie acute, il corpo si protegge così da un esaurimento nervoso, che sta per esplodere per sovraccarico. Il panico è il miglior amico delle infezioni.   

Se questo articolo ti è piaciuto, lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!