Curiosità

Secondo gli esperti questi sono i paesi che non sopravviveranno ai cambiamenti climatici

Sebbene alcuni politici neghino le prove del cambiamento climatico, la Terra ha già iniziato a manifestare le conseguenze di ciò che alcuni chiamano "effetto serra".

L'aumento delle temperature ha causato lo scioglimento dei poli, innalzato i livelli dell'oceano e causato uno squilibrio nei diversi ecosistemi del pianeta. Ma il problema più grande è che le conseguenze di questo disastro non influenzeranno in egual misura tutte le parti del pianeta, ma quelle meno inquinanti subiranno le più grandi catastrofi.

America (la meno colpita)

Mentre è noto che uno dei maggiori inquinanti del pianeta sono gli Stati Uniti, grazie alla sua infrastruttura, alla sua organizzazione e alla sua capacità di risposta pressoché illimitata, saprebbbe molto bene come affrontare il cambiamento climatico. Lo stesso sarebbe per il suo vicino, il Canada, anche se la Groenlandia avrebbe il miglior risultato, forse a causa della sua vicinanza al Polo Nord. Sfortunatamente, il resto del continente non sarebbe così fortunato, salvando solo il Cile e l'Uruguay dal Sud America.

America (la più colpita)

Sebbene il rischio del resto dell'America sia certamente elevato, Bolivia e Guatemala saranno probabilmente quelli che subiranno gravi disastri a causa delle precarie infrastrutture che dovranno affrontare in caso di crisi climatica e di diverse pressioni politiche. Vale la pena ricordare che, in realtà, i loro vicini non possono vantarsi di avere un'incredibile capacità per un piano di difesa, perché si trovano nella seconda posizione in termini di regioni più impreparate.

Europa (la meno colpita)

La qualità della vita, la stabilità economica e le capacità di risposta superiori del continente mettono in pace alcuni paesi della regione. Regno Unito, Norvegia, Svezia e Finlandia saranno direttamente nella migliore posizione possibile, senza dover cambiare la loro situazione. Nonostante questo, alcune regioni possono essere esposte ai pericoli dei cambiamenti climatici.

Europa (la più colpita)

A causa di alcune situazioni conflittuali, come guerre civili, crisi economiche o dittature, che hanno lasciato un pesante flagello sui loro territori, aree come l'Ucraina, la Romania, la Serbia e il Montenegro, tra le altre, ne subiranno le conseguenze più duramente. Forse, alla fine riceveranno il sostegno dei loro vicini più fortunati, ma potrebbero sperimentare evacuazioni di massa alla ricerca di maggiori e migliori opportunità.

Asia e Oceania (la meno colpita)

Un'altra delle grandi ironie del mondo accade in Cina perché, sebbene sia di gran lunga il paese più inquinato al mondo, è anche una delle nazioni più ricche del pianeta. Nonostante questo, solo gli abitanti della Corea del Sud si troveranno in una posizione comoda (ovvero se una guerra con il loro vicino non parte) e il Giappone, oltre agli Emirati Arabi Uniti. Sebbene l'Asia sia il più grande continente del pianeta, la sua diversità continua a mostrare differenze molto forti; da un lato, lo sviluppo di alcuni paesi è sopra la media, mentre altri toccano il terzo mondo. Nel caso dell'Oceania, l'Australia e la Nuova Zelanda non noterebbero alcun cambiamento.

Asia e Oceania (la più colpita)

Ancora una volta, la causa principale è la guerra, anche se influenza anche l'attuale situazione ecologica. In Afghanistan, un territorio la cui attività economica è molto limitata, la capacità di rispondere a nuovi scenari catastrofici non sarebbe grandiosa. La Birmania, con le sue crisi politiche e i governi corrotti, spinti da affari illeciti e violazioni dei diritti umani, sarebbe un posto difficile in cui sopravvivere in caso di tali eventi. Altre regioni, come l'Iraq, sarebbero anche esposte. Per l'Oceania, possiamo solo evidenziare la Nuova Guinea, che sarebbe l'unico a subire un grave deterioramento in contrasto con i suoi vicini sani.

Africa (la meno colpita)

Questo è forse il meno preparato di tutti i continenti, poiché solo il Botswana ha un aumento sorprendentemente ampio del reddito pro capite e un enorme investimento nei propri cittadini, nell'istruzione, nella sanità e nella ricerca. Ed è diventato uno dei più ambiti dall'Africa. Ma nonostante ciò, continua ad avere un'estrema povertà, che la mantiene nella posizione di miglior sopravvissuta. Sfortunatamente, i dati provenienti dal resto del continente sono più che preoccupanti.

Africa (la più colpita)

Le guerre costanti sulle enormi riserve naturali che ancora esistono nel continente africano sono responsabili della miseria del luogo. Ciò ha generato un'associazione quasi diretta con il terzo mondo e la totale mancanza di possibilità di affrontare situazioni durante una crisi estrema. Sarebbe praticamente impossibile evidenziare un particolare paese, sebbene possano essere tra i meno inquinanti del pianeta.

Il pianeta

Sebbene alcuni dei nostri paesi possano essere da una parte o dall'altra della barriera, è innegabile che le conseguenze subite da entrambe le regioni causeranno situazioni pericolose che alla fine influenzeranno l'umanità a lungo termine. Pertanto, è un compito importante combattere e difendere le condizioni del pianeta, cercando sempre di proteggerlo dagli effetti della deforestazione, dell'inquinamento e della distruzione degli ecosistemi naturali.

Tags
Paesinon sopravviverannocambiamenticlimatici
COMMENTA