Ci sono tanti casi, tra uomini e donne, molto simili. Uno dei lati della relazione è il lato negativo, quello che maltratta, che lo fa soffrire, che attacca anche moralmente, emotivamente.

Dall'altra parte la vittima, l'aggredito, il sofferente, l'umiliato, il respinto, l'infelice. Questa è stata anche una bella conversazione che ho avuto con un amico psicologo, qui sul mio divano, mentre stavamo facendo colazione. “Perché le persone vivono così? Perché ti lasci passare attraverso questo?

" Abbiamo studiato diverse possibilità, tra cui la mancanza di coraggio per il cambiamento, la dipendenza emotiva e il fatto che la sofferenza è ormai ciò che nutre una persona ".

Per me, ovviamente, tutto è molto assurdo. Tuttavia, so cosa ci fa la passione. So che è come una cachaça che ci fa ubriacare a lungo, fino al giorno dopo, i postumi della sbornia, la sobrietà e ancora la dannata cachaça! Come una dipendenza, sai?

Come qualcosa di cui non sai più vivere senza. Alcune persone possono dire che questo è amore, che accettano tutto per amore, ma se scavano nel loro oscuro interno, vedranno tante altre ragioni e molti preferiranno continuare a chiamare “amore” tutta questa follia.

Incrocio persino le braccia per pensare quando mi sono sottoposta alla sofferenza dicendo che amavo e per quanto tempo. Mi sono ricordato che per 8 lunghi mesi mi sono lasciato illudere che esistesse qualcosa di reale e che tutto fosse così necessario per me che ho lasciato che accadesse e ho permesso che mi portasse così lontano che quando ho aperto gli occhi ero già troppo profondo .

Ero emotivamente torturato ogni ora perché pregavo di sentire le cose che provavo ogni volta che ero accanto a quell'uomo. Ma un giorno è stato molto più intenso di quanto potessi sopportare e quando mi sono ritrovato a piangere più che a sorridere ho visto la verità: ho visto che non ero felice, che non poteva essere amore e che non meritavo vivere così.

Mai più ho sperimentato una simile sofferenza. Ho imparato ad apprezzare me stessa, la mia salute mentale, il mio benessere.

Lascia che qualcun altro ti faccia soffrire? Cos'è questa follia? Per quanto? Pensi davvero di aver bisogno di questo che te lo meriti? Per lo meno, non sei una vittima, sei un tormentatore tanto da essere nutrito da tutto, da scoprire e sentire che è questo fluido che ti tiene in vita!

Il fluido della sofferenza è un orrore, amico mio! Vivere nella sofferenza è terrificante, come se vivessimo in una prigione fredda e solitaria con un torturatore costante che ci visita ogni giorno! Chi vuole vivere così? Ok, capisco che forse dire che lo ami è un modo per giustificarti perché non capisci nemmeno perché ne sei soggetto o non hai la forza di cambiare. Molti dicono di non avere la forza … Come trovo la forza?

Nella tua motivazione. Nella tua voglia di essere felice anche se ora doni tutto! Nel tuo assurdo bisogno di essere veramente amato da qualcuno che ti fa solo bene, che fa l'amore!

Prendi quella motivazione e dipingi il tuo mondo con nuovi colori.

Se insisti a voler vivere così perché lo ami, bene! Dì solo: "Lo accetto così com'è, so che mi fa soffrire, so che mi rende infelice la maggior parte del tempo, ma voglio vivere così, voglio vivere così". E per favore, quando dici questo, ascolta te stesso.