C'è un calo dell'attività sociale, emotiva e accademica nei bambini di oggi e, allo stesso tempo, un forte aumento del numero di bambini con difficoltà di apprendimento e altre disabilità. Ed ecco perché:

I bambini ottengono tutto ciò che vogliono, quando vogliono

"Ho fame!" "Tra un secondo comprerò qualcosa da mangiare." "Ho sete". "Ecco un distributore di bevande." "Sono annoiato!" "Prendi il mio telefono." La capacità di rimandare il soddisfacimento delle proprie esigenze è uno dei fattori chiave per il successo futuro. Vogliamo rendere felici i nostri figli, ma sfortunatamente li rendiamo felici solo nel momento presente e infelici nel lungo periodo?

La capacità di posticipare la soddisfazione dei propri bisogni significa la capacità di funzionare sotto stress. I nostri figli diventano gradualmente meno preparati ad affrontare anche situazioni di stress minore, che alla fine diventa un enorme ostacolo al loro successo nella vita.

Spesso vediamo l'incapacità dei bambini di ritardare la gratificazione in aule, centri commerciali, ristoranti e negozi di giocattoli quando un bambino sente "No" perché i suoi genitori hanno insegnato al suo cervello a ottenere immediatamente quello che vuole.

2. Interazione sociale limitata

Abbiamo molto da fare, quindi diamo ai nostri bambini gadget per tenerli occupati. In precedenza, i bambini giocavano all'aperto, dove sviluppavano le loro abilità sociali in condizioni estreme. Purtroppo, i gadget hanno sostituito le passeggiate all'aperto per i bambini. Inoltre, la tecnologia ha reso i genitori meno accessibili per interagire con i propri figli.  

Un telefono che "siede" con un bambino al posto nostro non gli insegnerà a comunicare. Le persone di maggior successo hanno sviluppato abilità sociali. Questa è la priorità!  Il cervello è come i muscoli che si allenano e si allenano. 

Se vuoi che tuo figlio possa andare in bicicletta, gli insegni ad andare in bicicletta. Se vuoi che tuo figlio sia in grado di aspettare, devi insegnargli la pazienza. Se vuoi che tuo figlio sia in grado di comunicare, devi socializzarlo. Lo stesso vale per tutte le altre abilità. Non c'è differenza!

Divertimento senza fine

Abbiamo creato un mondo artificiale per i nostri figli. Non c'è noia in esso. Non appena il bambino si calma, corriamo di nuovo a intrattenerlo, perché altrimenti ci sembra che non stiamo facendo il nostro dovere genitoriale.  

Viviamo in due mondi diversi: loro sono nel loro "mondo del divertimento", e noi siamo in un altro, "mondo del lavoro". Perché i bambini non ci aiutano in cucina o in lavanderia? Perché non mettono via i loro giocattoli?  

È un lavoro semplice e ripetitivo che allena il cervello a funzionare mentre svolge compiti noiosi. Questo è lo stesso "muscolo" richiesto per la scuola.

Tecnologie

I gadget sono diventati bambinaie gratuite per i nostri figli, ma questo aiuto deve essere pagato. Ne paghiamo il prezzo con il sistema nervoso dei nostri figli, la loro attenzione e la capacità di rimandare la soddisfazione dei loro desideri. La vita quotidiana è noiosa rispetto alla realtà virtuale. 

Quando i bambini sono in classe, si confrontano con voci umane e un'adeguata stimolazione visiva in contrasto con le esplosioni grafiche e gli effetti speciali che sono abituati a vedere sugli schermi. Dopo ore di realtà virtuale, i bambini trovano sempre più difficile elaborare le informazioni in classe perché sono abituati agli alti livelli di stimolazione forniti dai videogiochi. 

I bambini non sono in grado di elaborare le informazioni con un livello di stimolazione inferiore e questo influisce negativamente sulla loro capacità di risolvere i problemi accademici. La tecnologia ci aliena anche emotivamente dai nostri figli e dalle nostre famiglie. La disponibilità emotiva dei genitori è un nutriente primario per il cervello di un bambino. Sfortunatamente, stiamo gradualmente privando i nostri figli di questo.

I bambini governano il mondo

"A mio figlio non piacciono le verdure." "Non le piace andare a letto presto." "Non gli piace la colazione." "Non le piacciono i giocattoli, ma è brava con il tablet." "Non vuole vestirsi da solo." "È troppo pigra per mangiare se stessa." Questo è quello che sentiamo continuamente dai genitori. 

Da quando i bambini ci dettano come educarli? Se lo lasci a loro, non faranno altro che mangiare mac, formaggio e torte, guardare la TV, giocare sul tablet e non andare mai a letto. Come aiutiamo i nostri figli se diamo loro ciò che vogliono e non ciò che è bene per loro? 

Senza una corretta alimentazione e un sonno adeguato durante la notte, i nostri figli vengono a scuola irritati, ansiosi e disattenti. Inoltre, stiamo inviando loro il messaggio sbagliato. Imparano che possono fare quello che vogliono e non fare quello che non vogliono. Non hanno alcun concetto "deve fare". Sfortunatamente, per raggiungere i nostri obiettivi nella vita, spesso dobbiamo fare ciò che è necessario, non ciò che vogliamo.  

Se questo articolo ti è piaciuto, lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!