Sono giorni difficili. Lo sappiamo. Il contatto fisico è limitato, le manifestazioni di affetto devono essere fatte a distanza e il desiderio è il sentimento più parlato degli ultimi mesi. 

Atteggiamenti, inoltre, necessari per contenere una pandemia molto grave che ha raggiunto tutto il mondo. Il problema è che molti confondono l'isolamento sociale con l'indifferenza e insistono su relazioni amorevoli che sono scomparse da tempo.

Sebbene la "nuova vita" richieda nuovi comportamenti, essere indifferenti non è uno di questi. Il fatto che siamo isolati non giustifica atteggiamenti freddi e apatici l'uno verso l'altro. 

La distanza, la mancanza di denaro o l'apparenza non diminuiscono i sentimenti. Ciò che riduce il sentimento è l'indifferenza e la mancanza di rispetto. 

Molte persone hanno approfittato di questo isolamento sociale per "scomparire dalla mappa", incolpando la distanza, il virus e il governo quando in realtà non volevano continuare la relazione e non avevano il coraggio di finire. 

L'indifferenza fa male. Forse perché associato all'insensibilità e al distacco, caratteristiche contrarie agli atteggiamenti umani naturali, l'indifferenza fa molto male e lascia profondi segni nell'anima.

Se questo articolo ti è piaciuto, lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!