CuriositàLa commedia e la tragedia della stupidità umana

18/08/2018 - 00h

Cipolla ci insegna come capire le pratiche della stupidità umana. 

La parola stupidità deriva dal latino stupido, incapace, senza azione, stupore, da stupire, inerte davanti a qualcosa di straordinario. Ma prima, il senso originale di stupido era mentalmente inadatto. Poi ha superato la mancanza di intelligenza e oggi è usato nel senso di grossolano o maleducato.

La stupidità umana ha come una delle leggi fondamentali la mancanza di intelligenza, che è l'opposto dell'essere ignoranti o incapaci. Questa caratteristica può essere attribuita agli interventi di gruppi o persone che manifestano la loro stupidità nei discorsi e nei comportamenti.

Questo concetto si riferisce anche all'uso perverso dell'atto di giudicare tutto e tutti, perché la stupidità è una sorta di "blackout" intellettuale. 

È un'oscurità mentale che mescola pregiudizio e mancanza di conoscenza, trasformando i pensieri in cose volgari o meschine.

I proverbi di Salomone dal 966 al 926 A.C. ci ammonirono: "Per quanto tempo, stupido, amerai la stupidità? E in che modo gli schernitori si dilettano di derisione e gli stolti odieranno la conoscenza?"

Nel Medioevo era possibile riconoscere i "sette peccati capitali" e la stupidità umana era nascosta nelle "tenebre" dell'inconscio dei loro peccatori. Ma lo scrittore Oscar Wilde ha scherzato nello scrivere che non c'è peccato se non la stupidità.

La commedia ha approfittato della stupidità umana come fonte di divertimento. I buffoni erano personaggi della satira, che hanno fatto ridere i re e i loro cortigiani. Nel teatro, gli operai e i contadini ridevano della follia dei pagliacci. Al giorno d'oggi, la stupidità ha guadagnato un nuovo formato nella serie americana "I Simpson" e offre molte munizioni agli scherzi dei comici.

Nelle nostre attività quotidiane incontreremo atteggiamenti e conversazioni stupide, non nello stile del buffone o del pagliaccio, ma nella versione "moderna" guidata da follia e scortesia. Sorgono, ostinatamente, negli spazi e nelle situazioni meno opportune, volendo guidare la vita degli altri, specialmente nei social network.

Se si accende la televisione, si legge il giornale, o la retorica politica, ascolti la voce di pulpiti e accendi Internet appare il motore della stupidità umana, come un sintomo "squilibrato" della società della rete.

La tragedia di questo è che la stupidità umana ha il suo pubblico prigioniero, perché persiste nella sua ambizione di causare mali o perdite ai disattenti. 

Così le aziende, le famiglie e le persone perdono denaro, tempo, energia, gioia e salute, dando "Ibope" alla stupidità.

Tuttavia, le scienze umane, biologiche ed esatte sono state sviluppate per combattere la stupidità umana e fornirci gli strumenti della conoscenza per neutralizzare la stupidità, che è una linfa oscura, che ostacola la crescita della felicità individuale e collettiva.

Infine, lo scienziato Albert Einstein ha affermato una frase comica e tragica:

"Ci sono solo due cose infinite, l'universo e la stupidità umana; e, a rigor di termini, non sono ancora abbastanza sicuro del primo."

Tags
stupiditàumanasimpsontvinternetreteignoranzacredibilitàpagliaccitragicaostacolocrescitascienzeumanebiologicesviluppatecombatterestrumenticonoscenzalinfaoscura
Loading...