All'età di 40 anni Franz Kafka (1883-1924), che non si è mai sposato e non ha avuto figli, stava passeggiando in un parco di Berlino quando ha incontrato una ragazza che piangeva perché aveva perso la sua adorata bambola. Lei e Kafka cercarono la bambola senza successo.

Kafka le disse di aspettarlo lì il giorno successivo e sarebbero tornati a cercare la bambola.

Hanno cercato il giorno successivo, ma non hanno trovato, e poi Kafka ha dato alla ragazza un biglietto "scritto" dalla bambola, che dice: "Per favore, non piangere. Ho fatto un viaggio per vedere il mondo. Scriverò delle mie avventure."  

Inizia così una storia che è continuata fino alla fine della vita di Kafka.

 

Durante gli incontri, Kafka ha letto gli appunti della bambola, che descrivevano le avventure e le "chiacchiere da bambola" che la ragazza trovava adorabili.   Alla fine, Kafka restituì la bambola a Berlino (che aveva appena comprato in precedenza).  

"Non sembra affatto la mia bambola", disse la ragazza.  

Kafka le porse un'altra lettera in cui la bambola scriveva: "I miei viaggi mi hanno cambiato". La bambina ha abbracciato una nuova bambola e l'ha portata a casa allegramente.  

Un anno dopo, Kafka morì.  

Molti anni dopo, una ragazza adulta ha trovato una lettera all'interno della bambola. Una minuscola lettera firmata da Kafka diceva:  

"Tutto ciò che ami è probabile che vada perso, ma alla fine l'amore tornerà in un modo diverso."   

Se questo articolo ti è piaciuto, lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!