CuriositàIl selfie della morte: 259 persone sono morte per aver scattato foto estreme

08/10/2018 - 12h

Negli ultimi 7 anni sono morte 259 persone per aver scattato foto in luoghi estremamente pericolosi.

Il numero di morti per questo concetto è così alto che i ricercatori della National Library of Medicine degli Stati Uniti hanno recentemente raccomandato di creare "aree vietate per i selfie" per ridurre il numero delle vittime.

L'anno con il maggior numero di morti è stato il 2016, per un totale di 98 casi.

Lo studio, condotto nel 2018 dal Journal of Family Medicine e Primary Care, ha evidenziato che la maggior parte dei deceduti sono uomini, il 72,5%. Le donne coprono solo il 27,7%.

Il boom del selfie è iniziato nel 2000, con la proliferazione di fotocamere, telefoni cellulari e anni dopo, l'uso dei social network, da My Space a Twitter e Facebook.

Cause di morti per selfie

I principali riflessi nel rapporto sono la morte per annegamento, elettrocuzione, incidenti stradali e cadute dall'alto.

L'anno con il maggior numero di morti è stato il 2016, per un totale di 98 casi. Nel 2017, la cifra è scesa a 93, nel 2011 ne sono stati registrati solo 3, di età compresa tra 10 e 29 anni. I ricercatori sostengono che il numero di morti potrebbe essere più elevato, poiché questa non è la causa specificata nei certificati di morte.

Bisogna avvertire la necessità di comprendere la portata del problema sociale che questo rappresenta, per essere in grado di fare qualcosa al riguardo.

Il più alto numero di morti è registrato negli Stati Uniti, in Pakistan, in India e in Russia.

Tags
selfiefotoestremepericolosegrattacielimorteragazziragazzenumeroelevatorussiapakistanstatiunitiindianecessitàavvertirepericolomorirevita201698casivirali
Loading...