CuriositàIl lato oscuro dell'intelligenza emotiva: il narcisismo

28/06/2018 - 00h

Pertanto, più abilità sviluppiamo meglio è. Facciamo anche l'errore di credere che una persona con molte abilità sia migliore di una persona con meno abilità. Pertanto, preferiamo avere al nostro fianco, sia al lavoro sia nella vita quotidiana, le persone più capaci. Ma le abilità non sono intrinsecamente positive, dipende da come le usiamo.

Il lato oscuro dell'intelligenza emotiva

L'intelligenza emotiva è essenziale perché può aiutare i narcisisti in modo che possano raggiungere i loro obiettivi.

L'intelligenza emotiva, un concetto creato nel 1990 da Salovey e Mayer e reso popolare da Daniel Goleman, è stato pubblicizzato come un'abilità chiave per il successo. Tutti vogliono sviluppare le proprie capacità emotive e vogliono avere persone con un alto livello di intelligenza emotiva nella propria squadra.

Non è una cosa sorprendente, dal momento che un gran numero di studi dimostrano che le persone con intelligenza emotiva superiore tendono ad avere meno problemi di salute, una carriera brillante, sono più efficienti e soddisfatte nelle loro vite personali e hanno meno problemi interpersonali.

Tuttavia, questo costrutto, che implica la capacità di percepire e comprendere le tue emozioni, gestirle correttamente ed esprimerle in modo assertivo, non è una panacea. Ci sono altri studi che hanno ricevuto meno attenzione dai media, in cui i ricercatori si sono concentrati sull'analisi di come le persone usano queste abilità, concludendo che l'intelligenza emotiva ha un "lato oscuro".

L'impatto negativo dell'intelligenza emotiva

Infatti, di recente un gruppo di psicologi austriaci ha esaminato 594 persone e ha trovato una correlazione tra intelligenza emotiva e narcisismo, indicando che questa capacità è spesso usata per "sedurre e conquistare" l'altro, soddisfare i propri interessi a scapito dei bisogni degli altri.

Ma questo non è l'unico studio che ha trovato questa correlazione. Un'indagine condotta presso l'Università del Michigan con 184 persone ha scoperto che i tratti narcisistici sono profondamente correlati alla capacità di riconoscere le emozioni, un fattore chiave nella manipolazione degli altri.

In effetti, la capacità di cogliere e comprendere le emozioni degli altri genera spesso empatia, ma può anche diventare un comportamento manipolativo, come quello che i narcisti praticano.

Come se ciò non bastasse, un altro studio condotto all'Università di Toronto ha scoperto che le persone con un'elevata intelligenza emotiva hanno maggiori probabilità di mettere in imbarazzo qualcuno in pubblico, spesso solo per ottenere riconoscimento. È interessante notare che questo studio ha anche scoperto che queste persone hanno maggiori probabilità di riconoscere le emozioni negative invece di quelle positive.

Ciò indica che hanno sviluppato una capacità speciale di individuazione degli stati emotivi in cui siamo più vulnerabili, per sfruttarli a loro favore e manipolarci. Ad esempio, è stato scoperto che queste persone possono facilmente identificarsi quando abbiamo dei dubbi, interpretando espressioni facciali che denotano incertezza e mancanza di fiducia. Ovviamente, quando dubitiamo che siamo più vulnerabili alle opinioni e alle pressioni degli altri, è più facile per i manipolatori raggiungere il loro obiettivo.

Naturalmente, questo non significa che tutte le persone con un'elevata intelligenza emotiva siano narcisiste e manipolative, ma è importante tenere presente che la capacità, di per sé, non è negativa o positiva, dipende da come la usiamo.

Tags
intelligenzaemotivaimpattonegativonarcisismomanipolazionepersoneemotivesedurreconquistarebisogninascisisti
Loading...