Pensieri

Il dolore silenzioso di quando nessuno capisce il tuo dolore

"Piangere è come scuotere il dolore", ha scritto William Shakespeare. E non aveva torto. Tuttavia, ci sono circostanze in cui non possiamo esprimere la nostra tristezza, frustrazione o rabbia per la perdita. In questi casi, sviluppiamo un duello silenzioso.

Perdere una persona cara o un animale domestico può causare un dolore terribile. Questo dolore si attenua un po' quando possiamo esprimerlo o condividerlo con gli altri. 

In effetti, una delle principali funzioni psicologiche dei riti funebri è quella di accompagnare il lutto per fornire loro il supporto emotivo e la convalida di cui hanno bisogno. 

Quando, invece del sostegno, riceviamo indifferenza, potremmo sentirci in dovere di reprimere le nostre emozioni e sentimenti, risolvendo il dolore da soli.

Quando si verifica un dolore silenzioso?

Il dolore silenzioso è quando ci sentiamo obbligati a nascondere le nostre emozioni e portare il nostro dolore da soli perché le persone intorno a noi, implicitamente o esplicitamente, non sono ricettive alla nostra sofferenza.

Il problema è che quando il dolore non viene condiviso o espresso, è probabile che finisca per diventare cistico. Pertanto, i duelli silenziosi possono finire per essere duelli impreparati che rimangono con noi molto più a lungo di quanto raccomandato per il nostro equilibrio mentale.

Il dolore non autorizzato, come è anche noto, ci fa sentire soli e incompresi, senza supporti a cui aggrapparci mentre attraversiamo un momento particolarmente difficile emotivamente, quindi non è strano che finiamo per sviluppare la depressione.

Se questo articolo ti è piaciuto, lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!

Tags
emozionisentimentipensieridoloresilenziopaurapiangere
COMMENTA