BenessereIl consumo di alimenti pronti è associato al cancro

08/07/2018 - 12h

Il cancro è ancora una delle malattie più mortali al mondo. Solo nel 2015, ci sono stati 8,8 milioni di morti. Quell'anno, praticamente una persona su sei ha perso la vita, è stata vittima di una qualche forma di cancro, secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità. Tuttavia, circa 1/3 di questi decessi potrebbe essere stato prevenuto da cambiamenti nella dieta e cambiamenti nello stile di vita. E un nuovo studio, pubblicato sul British Medical Journal ( BMJ ), associa il consumo di cibi avariati alla comparsa del cancro.

Ma cosa sono esattamente i cibi pronti? In poche parole, cibo che non è cibo. Oppure, il cibo prodotto da ingredienti che non si trovano nelle nostre cucine. Esempi di questi prodotti sono biscotti e torte trasformati, snack, bevande analcoliche, cereali, cibi surgelati e fast food. In generale, sono prodotti ricchi di additivi, conservanti, coloranti, grassi saturi, zucchero e sale.

D'altra parte, hanno pochissime fibre e vitamine. I ricercatori affermano che un aumento del 10% dell'apporto alimentare di alimenti pronti si è correlato a una probabilità maggiore del 12% di sviluppare alcuni tipi di cancro e dell'11%, in particolare, nel cancro al seno. 104mila persone, di età superiore ai 18 anni, che hanno descritto le loro abitudini alimentari quotidiane hanno partecipato allo studio.

Negli ultimi decenni, c'è stato un cambiamento radicale nella dieta dei principali paesi del mondo, dai più ricchi ai più poveri. L'aumento del reddito pro capite in alcuni luoghi ha sfortunatamente permesso alle famiglie di essere abbagliate dall'appello dei "piatti pronti".

Tags
benesseresalutecibocancroalimentialimentazione