CuriositàIl bullismo uccide: insegna ai tuoi figli ad amare!

05/09/2018 - 16h

"Il bullismo non è affatto un test. Non è dovere del bambino o di nessuno essere resistente a questo tipo di pratica. Non è responsabilità della vittima essere forte o no." (Marlon de Castro)

Recentemente, la testimonianza di una madre il cui figlio di 9 anni si è suicidato a causa del bullismo a scuola negli Stati Uniti ha scioccato l'opinione pubblica. La madre, Leia Pierce, ci lascia un messaggio semplice ma essenziale in questi giorni:

"Insegna ai tuoi figli ad amare. Che va bene essere diversi, perché siamo tutti diversi. Nessuno è uguale e se fossimo uguali, questo mondo sarebbe molto fastidioso. Le nostre differenze ci rendono uguali. Insegna la compassione ai tuoi figli. Insegna il rispetto. Insegnagli ad accettarsi l'un l'altro di più."

Il termine bullismo è praticamente nuovo e serve a caratterizzare atteggiamenti intenzionali e ripetitivi, da parte di una persona o più, rivestiti di violenza psicologica e/o fisica. Il termine è stato proposto da Dan Olweus, dopo il massacro della scuola di Columbine, verificatosi negli Stati Uniti nel 1999, dove due studenti uccisero dodici compagni e un insegnante, e ferendo più di venti persone.

Caratterizzare i comportamenti relativi al bullismo: insulti, aggressioni fisiche ricorrenti, gossip prive di fondamento, ammortamento, persuasioni forzate, sminuire la vittima, denigrando la sua immagine, rendendo il suo imbarazzo pubblico, vili e senza motivo apparente.

E sebbene il termine sia praticamente nuovo, la sua pratica è vecchia, salvaguardata dalle debite proporzioni, e deve tornare indietro di secoli e secoli, poiché l'uomo ha cominciato a vivere nella società.

Nonostante tutte le conseguenze dolorose e traumatiche che il bullismo presenta, non siamo stanchi di vedere commenti che sembrano pericolosamente attenuare la gravità di questa pratica, che si basa, per la maggior parte, sul confronto tra ieri e oggi. Sono in molti a dire che hanno sofferto il bullismo e non hanno smesso di vivere, vivono una vita normale.

In primo luogo, bisogna chiarire che oggi ai bulli non piace essere soprannominati così ma gli piace insultare qualcuno con una bellezza fuori dai media o in sovrappeso, per esempio. L'avvento di Internet ha reso tutto ancora più serio e aggressivo, perché i social network sono stati usati come un canale di offese, di ridicolo, che espongono persone in tutto il mondo.

Le cose non sono più circoscritte tra i muri del club o della scuola, ma crescono in proporzioni spaventose e incontrollabili.

Inoltre, ognuno sente il dolore in un modo unico e corretto, senza il quale possiamo confrontare i dolori di alcuni con gli altri. Tanto che i bambini dello stesso matrimonio reagiscono in modo diverso alla separazione dei genitori, per esempio.

Noi digeriamo ciò che ci viene fatto in base a ciò che abbiamo qui, cioè, il dolore emotivo è soggettivo, perché dipende dal bagaglio di ogni essere umano. È persino inumano confrontare i dolori delle persone con ciò che accade loro.

Ci sono numerosi articoli, saggi e libri, film che trattano l'argomento, cioè, non possiamo più rivendicare l'ignoranza in materia, in particolare i genitori e gli insegnanti, da tenere d'occhio per i segni che qualcosa non va, che suo figlio, lo studente o l'amico potrebbe soffrire molto per le molestie quotidiane. Affermare che non c'era una tale freschezza in passato peggiorerebbe solo le cose; chiunque soffra non ha bisogno di nessun altro che lo giudichi, dal momento che ha già attraversato un percorso doloroso di appiattimento della propria autostima.

Abbiate empatia, per favore.

Tags
bullismouccidepersonecattiveinsultipesoaspettopercorsodolorosoautostimabisognoaiutoempatiafreschezzainumanodolorepersoneaccadegenitoriamiciparentigiudiziosoffrire