CuriositàI genitori che invertono i ruoli sono un pericolo emotivo per i loro figli!

17/01/2019 - 16h

Alcuni genitori vogliono che i loro figli siano il loro rifugio sicuro quando, in effetti, i piccoli sono troppo fragili per sopportare un carico così pesante perché hanno bisogno della sicurezza e della  protezione dei loro genitori.

I genitori che invertono i ruoli sono un pericolo emotivo per i loro figli:

Arriva una certa età in cui i genitori iniziano a diventare più dipendenti dai loro figli. L'età o le malattie in aumento appaiono e rubano le loro mobilità fisiche e cognitive. Questo è quando è il momento per i figli di diventare genitori.

Tuttavia, questo di solito richiede tempo. I bambini sono cresciuti, stabilizzati e formati emotivamente. Niente è più giusto che dare supporto a coloro che ci hanno assistito.

Ma ci sono situazioni in cui alcuni genitori invertono i ruoli in anticipo.

Ecco cosa fanno questi genitori:

1. Giocano con il dolore dei loro traumi sui loro bambini

Sono genitori che hanno avuto un'infanzia difficile e passano la vita nel ruolo di vittima, raccontando ai loro figli tutto ciò che hanno o non hanno avuto, sia materialmente che emotivamente. Molti richiedono ancora che i loro figli siano grati di avere di più, anche se sono ancora piccoli.

2. Vogliono l'attenzione dei loro figli, invece di darla

Sono i genitori che vogliono essere ascoltati ma non riescono a sentire. Vogliono essere cercati, ma non si spingono a cercare, né dall'istinto paterno o materno di voler sapere come sono i bambini. Vogliono essere amati, ma sono incapaci di prendersi cura di loro.

3. Espongono le loro fragilità, cercando conforto

Sono genitori che non esitano a condividere i loro problemi e le loro angosce con qualcuno che ha una comprensione limitata come ad esempio un bambino. Piangono per i loro dolori, rimpiangere le loro frustrazioni e si lamentano del coniuge, mettendo sulle spalle dei bambini un peso notevole da tenere.

4. Vogliono essere sostenuti invece di fornire

Sono genitori che vedono noi loro figli l'opportunità di fare soldi. A volte usano i piccoli come una forma di remunerazione, mettendoli a fare lavori che corrompono i loro limiti e la loro natura infantile. Basta questo per essere crudele! Altri genitori trasformano il debito in debiti e mostrano tutto ciò che hanno speso per il bambino per riaverli in seguito.

Continua a leggere...

5. Trattano i bambini come dipendenti

Sono genitori che non si sentono a proprio agio nel fare qualcosa per il loro bambino. Trattano i loro bambini come piccoli impiegati che devono interrompere il loro gioco per realizzare i desideri dei loro genitori. Se non vuoi lavorare, perché hai voluto figli?

Questi genitori sono solitamente narcisisti nella loro incapacità di avere empatia per il loro bambino. I loro cuori non riescono a capire che essere padre e madre è un rifugio sicuro e non viceversa. Certo, un figlio può essere amico e dare luce ai suoi genitori. Ma in un chiaro, momentaneo e consensuale ribaltamento dei ruoli quando hanno già la struttura per assumere questo ruolo. In caso contrario, il bambino si sente impotente, disfatto, immeritato, e molto solo, ciò colpisce drasticamente la sua autostima, il che lo rende un adulto pericoloso e lo mette in una costante sensazione di inadeguatezza.

I bambini hanno bisogno di genitori forti per diventare forti. Ecco perché i buoni genitori smettono di piangere di fronte ai loro piccoli, quando possibile. Essi non si condividono i problemi che i bambini non sono in grado di capire, tanto meno risolvere, perché fa solo male alla sua impotenza di fronte al dolore di quelle persone che sono le più importanti della sua vita.

Ogni bambino ha il suo tempo di maturazione. E deve essere rigidamente rispettato se vogliamo creare bambini emotivamente equilibrati. Dopotutto, scegliere di essere genitori è scegliere di dare il 100%. 

Tutto ciò che un figlio ci restituisce è profitto e non obbligo.

E il più gratificante è l'aspetto di orgoglio di un figlio per il nostro impegno ad essere, anche imperfettamente, i suoi veri eroi senza mai chiedere nulla in cambio.

Perché l'istinto dell'amore di un padre e di una madre è questo.

Tags
genitoriinvertonoruolofigliemotividannipericoloemotivo
Loading...