Diventare madre è uno dei processi più viscerali della storia evolutiva. Si prevede che le persone con un utero saranno in grado, ad un certo punto della loro vita (o più), di avere un bambino.

Ogni mese il corpo si prepara a questo, aspettando il momento esatto in cui creerà un altro piccolo essere umano, utilizzando finalmente i tratti genetici degli antenati, che sono stati immagazzinati solo per essere depositati in qualcuno.

Può sembrare una cosa semplice, ma generare un figlio provoca le più grandi trasformazioni mai viste e immaginate nel corpo della madre. Quel piccolo seme si sta sviluppando giorno dopo giorno, crescendo e mettendo sotto scacco tutto ciò che quel corpo ha mai vissuto. La gravidanza è un momento di tale impatto che quasi tutti gli organi di una donna cambiano posto, compreso il cuore, per riparare quella piccola creatura.

Ha portato suo figlio nel suo grembo, sono stati collegati e pulsati attraverso lo stesso cavo per settimane e settimane, quindi l'intuizione è solo un'estensione di tutto ciò che hai mai sentito. Molte donne non vogliono la maternità perché sanno cosa dovranno affrontare, mentre altre, che sono già madri, si sentono tristi perché non riescono ad adattarsi alla maternità idealizzata nelle pubblicità.

Dobbiamo ricordare che essere madre non è un atto performativo, che perdiamo molto lungo la strada, perché la nostra società ci mette nella posizione di martiri. Dobbiamo affrontare la dura realtà di gestire tutto contemporaneamente, perché questo ci viene imposto.

Quel bambino, che è stato generato, non sa niente di tutto questo e ha bisogno di qualcuno che sopravviva ai primi anni. È come se madre e figlio fossero uniti anche dalle ferite che subiscono in battaglia, provocate da una società che non accetta i bambini negli spazi pubblici e critica le madri neurocompatibili.

La maternità può essere estremamente difficile, ma essere una madre per i nostri figli sicuramente non lo è! Non si aspettano altro che amore, attenzione e accettazione. Puoi essere tu a guidare quella bella anima in giro per il mondo, trasmettendo i migliori valori possibili affinché le prossime generazioni sappiano come trattare queste mamme, dando loro il valore che meritano.

Madre e figlio si intrecciano in una vera e propria esplosione di sentimenti, affrontando fianco a fianco le maggiori difficoltà. Può essere difficile soddisfare le richieste di tutti, ma non è difficile condividere i momenti migliori e peggiori con quelli che ci hanno permesso di compiere la più grande trasformazione di tutti: i nostri figli.

Se questo articolo ti è piaciuto, lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!

Vitamine, minerali e vitalità, tutto ciò che può passare attraverso il cordone ombelicale, le mamme lo fanno, anche se questo è a carico della loro salute in futuro. Tutto questo, insieme agli ormoni, culmina nella nascita di un nuovo essere umano, qualcuno che nessuno ha mai visto, ma che è stato forgiato dalla stessa materia dei nonni, dei bisnonni, dei trisnonni.

Il processo di adattamento nel puerperio è doloroso, solitario, spesso ingiusto. Non tutte le donne hanno una rete di supporto su cui possono contare e vengono sopraffatte in una delle poche volte in cui non dovrebbero.

Quella persona è appena diventata madre, sta per incontrare suo figlio, ha bisogno che il suo corpo si riprenda dalle lunghe settimane in cui ha dato tutto per un altro essere. Mamma e bambino hanno bisogno di imparare insieme i passi di questa nuova danza, e non è sempre semplice.

Molte cose esterne ostacolano questo processo, nessuno saprà mai cosa sta passando quella donna, nemmeno i medici possono misurarlo con assoluta certezza. Da quel momento in poi, rinuncia a chi era per diventare l'estensione di qualcuno, e quella rottura fa male. Dire addio a te stesso non è facile.

Nel corso degli anni, protezione, amore ed educazione si uniscono. Quella donna, che ha dovuto dire addio a chi era, impara ogni giorno cosa significa essere madre. Affronta intuizioni, opinioni sbagliate e litiga con chiunque se ritieni di avere ragione, perché l'intuizione di una madre non fallisce mai.

Ha portato suo figlio nel suo grembo, sono stati collegati e pulsati attraverso lo stesso cavo per settimane e settimane, quindi l'intuizione è solo un'estensione di tutto ciò che hai mai sentito. Molte donne non vogliono la maternità perché sanno cosa dovranno affrontare, mentre altre, che sono già madri, si sentono tristi perché non riescono ad adattarsi alla maternità idealizzata nelle pubblicità.

Dobbiamo ricordare che essere madre non è un atto performativo, che perdiamo molto lungo la strada, perché la nostra società ci mette nella posizione di martiri. Dobbiamo affrontare la dura realtà di gestire tutto contemporaneamente, perché questo ci viene imposto.

Quel bambino, che è stato generato, non sa niente di tutto questo e ha bisogno di qualcuno che sopravviva ai primi anni. È come se madre e figlio fossero uniti anche dalle ferite che subiscono in battaglia, provocate da una società che non accetta i bambini negli spazi pubblici e critica le madri neurocompatibili.

La maternità può essere estremamente difficile, ma essere una madre per i nostri figli sicuramente non lo è! Non si aspettano altro che amore, attenzione e accettazione. Puoi essere tu a guidare quella bella anima in giro per il mondo, trasmettendo i migliori valori possibili affinché le prossime generazioni sappiano come trattare queste mamme, dando loro il valore che meritano.

Madre e figlio si intrecciano in una vera e propria esplosione di sentimenti, affrontando fianco a fianco le maggiori difficoltà. Può essere difficile soddisfare le richieste di tutti, ma non è difficile condividere i momenti migliori e peggiori con quelli che ci hanno permesso di compiere la più grande trasformazione di tutti: i nostri figli.

Se questo articolo ti è piaciuto, lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!