CuriositàEmergenza ambientale: misteriosa fuoriuscita di petrolio, più di 500 tonnellate in 200 spiagge

25/10/2019 - 13h

Quando il Brasile ha iniziato a riprendersi dalla crisi ambientale causata dagli incendi in Amazzonia, una nuova emergenza (ancor più grave, secondo alcuni esperti) è arrivata sulla costa.

Il 30 agosto, il massiccio arrivo di petrolio greggio alle spiagge del nordest del paese è stato rilevato per la prima volta, in una grandezza senza precedenti nella zona.

E da allora circa 900 tonnellate di rifiuti hanno contaminato almeno 201 spiagge lungo 2.500 km di costa.

Le autorità hanno trovato 67 animali colpiti, 14 dei quali hanno perso la vita, come riportato dalle autorità brasiliane questa settimana, che hanno cercato di identificare - senza successo finora - qual è l'origine del greggio.

"Nella storia del Brasile, dal punto di vista dell'ambiente marino, non abbiamo notizie di un simile incidente... di grandissima portata", ha detto alla BBC Flávio Lima, un esperto dell'Università statale di Rio Grande do Norte che collabora all'inchiesta.

Il Ministero dell'Ambiente ha condiviso una mappa con i punti interessati e il livello di concentrazione di petrolio.

Il governo ha inviato 5.000 militari che si stanno unendo a dozzine di volontari che lavorano nella rimozione dei rifiuti sulle spiagge del nord-est del Brasile, considerate tra le più belle della costa orientale del Sud America.

Sono in corso ricerche approfondite che coinvolgono la Marina Militare, la Polizia Federale, il Ministero dell'Ambiente, la compagnia petrolifera Petrobras ed esperti.

Primi segni:

Il primo segno di fuoriuscita di petrolio fu registrato su tre spiagge della costa di Paraíba, il 30 agosto.

Durante il mese successivo, la fuoriuscita si estese a 63 località in nove stati del nordest : Pará, Maranhao, Ceará, Rio Grande do Norte, Paraíba, Pernambuco, Alagoas, Sergipe e Bahía.

Le macchie hanno la stessa caratteristica: un materiale denso e viscoso, di colore nero, in grado di fluttuare nell'acqua.

Il petrolio greggio è apparso sulle spiagge e nell'acqua vicino alle coste di nove stati del Brasile nord-orientale.

Continua a leggere...

Petrobras, la compagnia petrolifera statale brasiliana, afferma che il petrolio non è il tipo prodotto in Brasile. Anche se rifiuta la responsabilità, ha collaborato con pulizia delle spiagge.

"L'analisi effettuata su campioni di petrolio greggio trovati su spiagge del nordest ha mostrato, attraverso l'osservazione di molecole specifiche, che la famiglia di composti organici del materiale trovato non è compatibile con quella degli oli prodotti e commercializzati dall'azienda " La compagnia ha detto a BBC Brasile.

Qual è la sua origine allora?

Le autorità, gli esperti e gli attivisti hanno sollevato una serie di ipotesi sull'origine del petrolio.

Tra i più probabili ci sono: il possibile affondamento di una nave che rilasciava petrolio in mare, una o più perdite accidentali o la pulizia illegale di una petroliera.

La regione dell'Atlantico meridionale è fortemente percorsa da petroliere.

"Circa 140 navi hanno attraversato quella regione. Potrebbe essere qualcosa di criminale, potrebbe essere una perdita accidentale. Potrebbe anche essere una nave affondata. Ora è complessa la situazione [per chiarirla]", ha detto il presidente brasiliano Jair Bolsonaro qualche giorno fa.

La contaminazione delle barriere coralline ha iniziato a essere rilevata in alcune parti della costa del Brasile.

BBC Brazil ha parlato con le organizzazioni che hanno partecipato alle indagini, ma nessuna di loro ha voluto fare un commento ufficiale o rivelare dettagli sulle linee di ricerca.

Tuttavia, i professori di ingegneria petrolifera dell'Università di San Paolo (USP), Ricardo Cabral de Azevedo e Patricia Matai, hanno affermato che il monitoraggio satellitare è necessario per identificare la "penna" dell'inquinamento, come viene detto a questo tecnico tipo di eventi

"Sulla base di questo, è possibile identificare l'origine e la traiettoria della penna", hanno spiegato gli esperti alla BBC Brasile.

Cosa ne pensi? Lascia un mi piace e condividi l'articolo con i tuoi amici!

Tags
emergenzaambientalebrasilepetrolioinquinamentospiaggekmvolontari
Loading...