Curiosità

COVID-19: Qual è il futuro del turismo nel mondo?...

Le ingenti perdite nel settore turistico internazionale causate da COVID-19 è ora chiara dalle cifre dell'Organizzazione Mondiale del Turismo (OMT), che mostrano un costo per il periodo fino a maggio che è già tre volte quello della crisi economica globale del 2009.

 Mentre la situazione continua ad evolversi, l'agenzia del turismo delle Nazioni Unite sta fornendo la prima analisi completa dell'impatto della pandemia, sia in termini di numeri di turisti che di entrate perse, prima dell'imminente rilascio di informazioni aggiornate sulle restrizioni di viaggio globali.

Il contenimento quasi totale imposto in risposta alla pandemia globale, ha provocato un calo del 98% delle presenze turistiche internazionali a maggio rispetto al 2019. I dati mostrano anche un calo del 56% su base annua degli arrivi turistici nel periodo gennaio-maggio. Questo si traduce in un calo di 300 milioni di turisti e 320 miliardi di dollari di perdite di entrate turistiche internazionali - più di tre volte le perdite di entrate turistiche internazionali sperimentate durante la crisi economica globale del 2009. I governi di tutte le regioni del mondo hanno una doppia responsabilità:  dare la priorità alla salute pubblica e allo stesso tempo proteggere l'occupazione e le attività commerciali.

Il crollo del turismo mette a rischio i mezzi di sussistenza di milioni di persone

 Il segretario generale dell'OMT, Zurab Pololikashvili, ha detto: "Queste ultime cifre mostrano chiaramente quanto sia importante rimettere in movimento il turismo non appena è sicuro farlo. Il crollo del turismo internazionale sta mettendo a rischio i mezzi di sussistenza di milioni e milioni di persone, soprattutto nei paesi in via di sviluppo. I governi di tutte le regioni del mondo hanno la doppia responsabilità di dare la priorità alla salute pubblica e allo stesso tempo di proteggere l'occupazione e le imprese. Devono anche mantenere lo spirito di cooperazione e solidarietà che ha caratterizzato la nostra risposta a questa sfida comune, e guardarsi da decisioni unilaterali che potrebbero minare la fiducia che abbiamo  duramente costruito. " 

La graduale ripresa del turismo

Allo stesso tempo, l'OMT vede anche i segni di un graduale e cauto cambiamento di tendenza, soprattutto nell'emisfero nord e in particolare con l'apertura delle frontiere nello spazio Schengen dell'Unione Europea il 1° luglio.

Mentre il turismo si sta lentamente riprendendo in alcune destinazioni, l'indice di fiducia dell'OMT mostra i minimi storici. Secondo gli esperti del turismo internazionale si riprenderà entro la seconda metà del 2021.

 Cosa dicono gli esperti?

 Innumerevoli sono le preoccupazioni degli esperti, quali: Le restrizioni di viaggio e la chiusura delle frontiere ancora in vigore nella maggior parte delle destinazioni, i principali mercati d'origine come gli Stati Uniti d'America o la Cina in stallo, le preoccupazioni per la sicurezza dei viaggi, la ricomparsa del virus e il rischio di nuovi blocchi o coprifuochi. Inoltre, la paura di non avere informazioni affidabili e il deterioramento dell'ambiente economico sono riportati come fattori che influenzano la fiducia dei consumatori.

Se questo articolo ti è piaciuto lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!

Tags
estateturismoviaggi2021covid-19estate2021omt 
COMMENTA