Curiosità21 fatti sui vaccini che ogni genitore responsabile dovrebbe sapere

21/03/2019 - 23h

Il tema dell'immunizzazione sembra essere quello di incoraggiare i dibattiti, soprattutto quando si tratta di bambini. Da un lato, i vaccini sono il modo più efficace e sicuro per proteggersi da varie malattie. D'altra parte, molti genitori sono preoccupati per gli effetti indesiderati e per i molti pregiudizi che sono sorti riguardo alla medicina moderna.

21 fatti sulla vaccinazione che ogni genitore responsabile dovrebbe sapere:

Ogni paese ha il proprio calendario di vaccinazione. Ad esempio, in Germania la vaccinazione è responsabilità di ciascun genitore. In Italia puoi ricevere una multa di 7.500 euro se rifiuti di vaccinarti. In Cina, puoi anche finire in prigione. Al fine di abbattere i pregiudizi sulle vaccinazioni, leggere i seguenti fatti circa i vaccini, così come le risposte ai medici di alcuni dei problemi più comuni.

1. L'epatite B è una delle malattie infettive più diffuse al mondo. Per questo motivo, i bambini di quasi tutti i paesi sono vaccinati contro la malattia nel primo mese della loro vita.

2. Il vaccino per la tubercolosi non è obbligatoria negli Stati Uniti, Regno Unito e Germania, perché c'è molto poco rischio di prendere la malattia in questi Paesi.

3. Il vaccino DTap spesso crea complicazioni e per questo molti genitori ne hanno paura, specialmente se il bambino ha un'immunità più debole. Ci sono vaccini combinati migliori con un effetto più debole che sono disponibili in alcuni posti a un prezzo più alto.

4. Il piccolo morbillo è stato considerato una malattia quasi sradicata che incontreremo solo nella storia. Ma oggi il problema sta tornando ad essere reale, grazie alla propaganda anti-vaccino. Il problema è che la suscettibilità a questa malattia è quasi del 100%, si diffonde rapidamente e può causare la mo*te.

5. Ci sono vaccini da prendere solo quando vi sono indicazioni di un'epidemia, come l'encefalite. Prima di prendere questi vaccini, è importante consultare un medico e tener conto di tutte le caratteristiche e le malattie personali. Ad esempio, se stai pianificando un viaggio in montagna, allora è consigliabile fare questo vaccino.

6. Se hai viaggiato spesso all'estero con tuo figlio, è necessario ricevere ulteriori vaccini per le malattie che sono comuni nei paesi che visiti.

7. Gli scienziati hanno dimostrato che i vaccini multicomponente producono meno stress sul sistema immunitario rispetto ai vaccini monocomponente. Ogni vaccino, così come le malattie infettive, porta all'attivazione del sistema immunitario. Più è mobilitato, maggiore è il rischio di reazioni negative.

8. Sebbene il numero di vaccini raccomandati sia in aumento, i vaccini moderni contengono meno proteine e agenti patogeni polisaccaridici rispetto a 40 anni fa. Questo rende più facile tollerare e creare meno complicazioni.

9. Molti genitori non vaccinano i loro bambini, ma piuttosto attendono che i loro corpi diventino più forti. Alcuni iniziano l'immunizzazione quando il bambino compie 1 anno, altri aspettano che ne compia 2. Alcuni genitori addirittura aspettano e il bambino vada a scuola. Il rischio di reazioni di immunizzazione imprevedibili aumenta con l'età. Ciò è dimostrato da ricerche e statistiche.

10. Ogni vaccino può causare reazioni naturali come dolore, gonfiore e prurito nel luogo in cui viene inserito il vaccino. Può anche verificarsi un leggero aumento della temperatura corporea. Queste sono normali reazioni del corpo e scompaiono rapidamente.

11. I genitori devono ricordare che i benefici dell'immunizzazione sono molto più importanti del temporaneo e lieve deterioramento. Le complicanze si verificano meno spesso delle reazioni naturali e vengono monitorate e studiate attentamente. Ad esempio, i dolori muscolari sono una complicazione che può verificarsi dopo aver ricevuto il vaccino contro l'epatite B, ma questo accade in una delle 600.000 vaccinazioni.

12. Si ritiene che il bambino che viene allattato al seno è protetti contro le malattie più pericolose a causa di immunoglobuline presenti nel latte della madre. Inoltre, il latte materno contiene anticorpi contro le infezioni che la madre ha subito. Questo è vero, ma questa protezione è efficace solo nei primi mesi di vita. Nel tempo, le immunoglobuline della madre vengono rimosse dal corpo e dovrebbero essere sostituite da anticorpi prodotti dal corpo del bambino. L'immunizzazione qui aiuta il bambino a curare la malattia nella forma più debole e crea la sua protezione contro di essa.

13. Molti vaccini contengono tiomersale, o etil mercurio, come agente protettivo. È importante conoscere la differenza tra etil mercurio e metilmercurio. Il metilmercurio si accumula nel sangue e può rimanere lì fino a 1,5 mesi. Il mercurio etilico è usato come conservante ed è completamente rimosso dal corpo in meno di una settimana.

14. L' immunizzazione non offre una protezione al 100% contro le infezioni. Alcuni vaccini, come quelli per il morbillo, offrono una protezione di quasi il 100%, ma altri sono fatti per mantenere la malattia nel modo più semplice senza complicazioni.

15. I vaccini moderni sono divisi in 2 grandi gruppi: vaccini vivi e vaccini inattivati. I vaccini vivi producono protezione nel 100% dei casi, il che significa che la loro efficacia è maggiore. Ma per raggiungere il risultato desiderato, il corpo dovrebbe avere una versione debole dell'infezione. I vaccini inattivati contengono parti del DNA e altri pezzi di batteri e virus contro i quali il corpo dovrebbe imparare a combattere. Dopo questa vaccinazione, la malattia non si sviluppa nella forma più completa. Questi includono vaccini contro l'epatite B, l'influenza, il tetano e la difterite.

16. I vaccini inattivi possono avere un livello di purezza più alto e più basso. Più alto è il livello, meno agenti infettivi sono presenti nel vaccino. Da un lato, questo rende il vaccino più facile da tollerare. Ma d'altra parte, la resistenza all'immunità è più debole - spesso consente all'infezione di entrare nel corpo. Tuttavia, la malattia si manifesterà in una forma più lieve e il rischio di complicanze è molto più basso. I vaccini inattivi purificati sono più comunemente somministrati ai bambini che hanno un'allergia al vaccino.

17. Gli esperti raccomandano di non introdurre nuovi alimenti 5 giorni prima e dopo la vaccinazione, al fine di prevenire una reazione allergica. Dopo aver consultato un medico, puoi dare qualcosa al bambino per ridurre la risposta del vaccino.

18. Secondo le indagini e gli schemi di vaccinazione di molti paesi, gli intervalli tra la ricezione di vari vaccini non dovrebbero essere più brevi di uno, o talvolta di tre mesi.

19. Dopo aver ricevuto il primo vaccino, le proprietà protettive si sviluppano lentamente e il corpo le ricorda per diversi mesi. Con il secondo vaccino contro la stessa malattia, le proprietà protettive si sviluppano più rapidamente e il corpo le ricorda per diversi anni. È quindi importante ricevere diversi vaccini per creare una difesa più forte. Al fine di mantenere la forza dell'immunità, è importante vaccinare di nuovo. Il vaccino contro il tetano è un campione, protegge contro la malattia da oltre 20 anni. L'immunità per l'epatite B rimane di circa 10 anni. Per questo motivo, gli adulti dovrebbero anche fare attenzione ai loro vaccini.

20. Molti medici ritengono necessario verificare lo stato immunitario di ogni bambino prima di essere vaccinato. Questo può ridurre le complicazioni, ma anche nei paesi più sviluppati, le persone non possono permettersi questa revisione di massa. Pertanto, ogni genitore dovrebbe consultare un immunologo se c'è qualche preoccupazione.

21. I residenti di diversi paesi sono incoraggiati a essere vaccinati non solo per la loro salute ma anche per la salute della società. Esiste un concetto chiamato immunità a un allevamento in cui si parla della capacità della comunità di resistere alle malattie infettive. Ad esempio, gli adulti inizieranno a ricevere infezioni dall'infanzia quando meno dell'80-90% dei bambini viene vaccinato.

Cosa ne pensi? Lascia un commento qui sotto e condividi l'articolo con i tuoi amici!

Tags
vaccinifattirealibambinimalattieprevenzione
Loading...