News

Vaiolo delle scimmie: sintomi, come si trasmette, come si cura e come si prende

  • Quali sono i sintomi, come si trasmette e come si cura il vaiolo delle scimmie? Domande che si moltiplicano ora che il virus si diffonde in tutto in mondo 
  • Il vaiolo delle scimmie è un virus solitamente lieve che provoca febbre e un'eruzione cutanea irregolare. Viene trasmesso all'uomo soprattutto dagli animali selvatici, ma è possibile anche la trasmissione umana. Il vaiolo delle scimmie umano è stato identificato per la prima volta nell'uomo nel 1970 nella Repubblica Democratica del Congo. Si chiama vaiolo delle scimmie perché è stato identificato per la prima volta in colonie di scimmie allevate per la ricerca nel 1958.

    Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), i sintomi del vaiolo delle scimmie includono tipicamente:

    febbre

    mal di testa intenso

    dolori muscolari

    dolore alla schiena

    scarsa energia

    linfonodi ingrossati

    eruzione cutanea o lesioni

    L'eruzione cutanea tende a svilupparsi sul viso prima di diffondersi in altre parti del corpo, tra cui la pianta dei piedi e il palmo delle mani. Si possono trovare anche sulla bocca, sui genitali e sugli occhi. I sintomi durano in genere dalle due alle quattro settimane e la maggior parte delle persone guarisce dalla malattia senza trattamento. I neonati, i bambini e le persone con carenze immunitarie possono essere a rischio di sintomi più gravi e di morte a causa del vaiolo delle scimmie.

    Il tasso di mortalità per il vaiolo delle scimmie è stato storicamente compreso tra lo 0 e l'11% nella popolazione generale ed è stato più elevato tra i bambini piccoli. In tempi recenti, il rapporto di mortalità è stato di circa il 3-6%.

    Il vaiolo delle scimmie si trasmette all'uomo attraverso il contatto ravvicinato con una persona o un animale infetto o con materiale contaminato dal virus. Il vaiolo delle scimmie può diffondersi da una persona all'altra attraverso uno stretto contatto fisico, compreso quello sessuale. L'eruzione cutanea, i fluidi corporei e le croste sono particolarmente infettivi. Anche gli indumenti, le lenzuola, gli asciugamani o gli oggetti come gli utensili per mangiare che sono stati contaminati dal virus a causa del contatto con una persona infetta possono infettare altri. Anche le ulcere, le lesioni o le piaghe della bocca possono essere infettive, il che significa che il virus può diffondersi attraverso la saliva. Le persone che interagiscono strettamente con una persona infetta, come gli operatori sanitari, i membri della famiglia e i partner sessuali, sono quindi maggiormente a rischio di infezione. Il virus può anche diffondersi da una persona incinta al suo feto o da un genitore infetto a un bambino durante o dopo la nascita attraverso il contatto pelle a pelle. Non è chiaro se le persone infette i cui sintomi non si sono ancora manifestati possano diffondere la malattia.

    Nella maggior parte dei casi, i sintomi del vaiolo delle scimmie si risolvono da soli senza bisogno di cure. Per coloro che sono stati infettati, è importante prendersi cura dell'eruzione cutanea o delle piaghe lasciandole asciugare, se possibile, o coprendole con una medicazione per proteggere l'area. Sia le persone infette che quelle non infette dovrebbero evitare di toccare le piaghe. Si possono usare sciacqui per la bocca e colliri, purché si evitino prodotti contenenti cortisone. Nei casi più gravi può essere consigliata l'immunoglobulina vaccinica (VIG). Per il trattamento del vaiolo delle scimmie si può utilizzare anche un antivirale noto come tecovirimat o TPOXX.

    Tags
    vaiolo delle scimmiesintomicure
    COMMENTA