BarzelletteUn italiano è seduto tra un tedesco e un giapponese...(Barzelletta)

21/01/2018 - 13h

Un italiano è seduto tra un tedesco e un giapponese, ad un tratto si sente la chiamata di un telefonino

Il tedesco mette la mano a forma di cornetta, pigia sul palmo e inizia a parlare tenendo la mano accostata all'orecchio.

Finito di conversare il tedesco spiega loro:

"Sapete, mi sono fatto fare due operazioni sottocutanee: sulla punta del pollice mi hanno istallato l'antenna e il ricevitore, sulla punta del mignolo il microfono!"

Proprio in quel momento si sente un altro squillo e il giapponese si tocca la tempia con un dito e inizia una conversazione telefonica al termine della quale spiega agli altri due:

"Anch'io mi sono fatto due operazioni sottocutanee: il trasmettitore è istallato sotto il palato e il ricevitore dentro l'orecchio! Meraviglie della microtecnologia!"

L'italiano comincia a sentirsi visibilmente imbarazzato visto che lui non può vantare nient'altro che un misero satellitare.

Proprio per l'imbarazzo, dopo qualche minuto l'italiano fa un peto rumoroso e mentre gli altri due lo guardano decisamente contrariati lui spiega:

"Beh!? Non si può spedire un fax?"

HAHAHAHA !!!! 

Se questa vecchia barzelletta ti ha fatto ridere condividila con i tuoi amici !!

eccone un'altra !

Siamo in un ospedale

Parenti e familiari sono in ansia in sala d'attesa quando entra un medico stanco e desolato e dice loro:

"Mi dispiace molto, ma il vostro congiunto è grave; si può solo tentare un trapianto di cervello in via sperimentale, intervento non di sicura riuscita e molto costoso. 

I familiari si guardano in faccia, sconcertati. 

Uno di loro chiede:"Dottore quanto può costare un cervello?"

E lui risponde: "Dipende... un cervello di uomo sui 5000 euro, uno di donna circa 200 euro"

Risatine soffocate da parte degli uomini presenti.

Allora un parente domanda ancora: "Ma a cosa è dovuta questa differenza di prezzo?"

"Semplice - risponde il dottore - il cervello degli uomini non è mai stato usato!".

Tags
barzellettaitalianotedescogiapponesetecnologia futuristica