Quando pensi a ciò che è accaduto e alle persone che erano lì, senza ferirti il cuore, è perché hai già perdonato, hai già perdonato te stesso. È finita. Mentre viviamo, accumuliamo bei momenti e brutte esperienze.

Ciò che è buono è nel cuore e torniamo sempre lì quando fa male. Le brutte esperienze, d'altra parte, sembrano insistere per rimanere lì e prenderci di mira frequentemente.

Forse è perché dobbiamo usare ciò che è andato storto a nostro favore, trarre lezioni, riformulare la nostra visione del mondo e delle persone, cambiare i nostri comportamenti dannosi e allontanarci da tutto ciò che è male.

L'importante è seguire, continuare, non smettere mai di essere felici. Dopo folli delusioni, perdite irreparabili e malattie devastanti, non saremo più gli stessi.

Dobbiamo svuotarci dall'interno, in modo da poterci ricostruire, a poco a poco, rinnovati e lontani dai dolori di ieri. E poi cambiamo, proprio dentro. E continua. Non c'è altro modo.

Quando pensi a ciò che è accaduto e alle persone che erano lì, senza ferirti il cuore, è perché hai già perdonato, hai già perdonato te stesso. È finita.

Quando sorridi quando ricordi, è gratitudine dentro di te. E poi hai capito tutto. Questo è il processo di guarigione. È così che continuiamo.

Se questo articolo ti è piaciuto, lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!