Quando una persona cara ci lascia, il problema non è con lui, ma con noi stessi. Siamo chiamati bruscamente ad occupare il nostro interno e a frugare in tutto ciò che è o era stagnante.

Prima della partenza di una persona cara, siamo in silenzio, ci viene ricordato che siamo anche mor*ali e che tutto è fugace. Tutto rimane, tranne i successi dell'anima, se lo permettiamo, ovviamente. Siamo nati ciascuno con il suo regno, un mondo interiore ricco, interagiamo con gli altri molti regni. 

In quelli che rimangono, si apre una lacuna quando qualcuno molto speciale se ne va. 

Questo divario può essere configurato come immagini, parole, sensazioni o anche la mancanza di sensazioni.

Impara con la voce delicata della vita di più sulla vita e sulla m*rte, qualcosa di naturale nella nostra esistenza. Impara la lezione che rimane: goditi il meglio della vita, sii migliore ogni secondo, agisci onestamente con noi e con l'altro, senza paura e più fiducioso nel potere divino.

Quindi, a poco a poco, si adatta, riequilibra la vita. Non torna come era prima. L'energia della persona amata rimane latente nei nostri cuori come una piccola fiamma che unisce la nostra fiamma per aiutarci a continuare a eliminare sempre più l'oscurità del mondo.

Alla fine, ci rendiamo conto che quando una persona cara se ne va, significa che la loro missione è stata compiuta, significa che hanno raggiunto la visione della loro anima in pieno!

E se quella persona era, molto vicino a noi, è perché qualcosa di molto profondo in noi vuole venire per rafforzarci e farci vibrare ancora di più e più intensamente.

Lascia un mi piace e condividi l'articolo con i tuoi amici!