Non è raro trovarti nella situazione irritante di sentirti indifferente, geloso o addirittura disgustato, se vedi il benessere e il successo di qualcun altro.

Spesso è difficile rallegrarsi della felicità degli altri, nonostante l'amore che provi, e questo può indicare la presenza di un disturbo psicologico sottostante.

Come estrapolato dalla letteratura scientifica specializzata, in questi casi il problema più comune è la depressione.

Perché a volte è difficile rallegrarsi della felicità degli altri?

Forse ci siamo resi conto, in prima persona o tramite commenti esterni, che ogni volta che una persona cara porta buone notizie sulla sua vita (una promozione, il matrimonio di un figlio o di una figlia, un premio …) proviamo un'emozione negativa immediata e irrefrenabile.

A volte, forse, abbiamo visto questo scenario disegnato anche nello stato emotivo degli altri. Un'emozione che può essere diluita in un misto di sentimenti di rifiuto, invidia, rabbia, ingiustizia, volere il male degli altri.

Infine, mentre gli altri si aspettano che condividiamo e li rendiamo felici, un blocco viscerale e incontrollabile durante le prime frazioni di secondo, ci impedisce di mostrare un sentimento di gioia spontanea e sincera.

È anche probabile che questa reazione non sia sempre stata presente in noi con maggiore o minore intensità. Pertanto, è necessario fermarsi e pensare che possa esserci qualcosa dentro di noi che ci impedisce di allinearci emotivamente con la felicità degli altri, la filosofia popolare è saggia: come può qualcuno che non è felice da tempo essere felice per gli altri?

Da una prospettiva ampia, questa tendenza a essere riluttanti al benessere emotivo degli altri può essere classificata come condotta sociale disfunzionale.

È proprio nelle esperienze depressive che si studia l'inclinazione a reagire negativamente alle interazioni sociali, ed è possibile vedere più chiaramente.

I sintomi depressivi sono spesso legati, tuttavia, alla scarsa qualità delle relazioni personali. Un cattivo umore è spesso associato all'erosione del concetto di sé.

Un impoverimento della visione dell'io che spesso colpisce anche il vicino più prossimo: l'autostima. In questo senso ci troviamo di fronte a un curioso fenomeno.

Un grave danno al nostro concetto di sé ci rende più propensi a enfatizzare negli altri ciò che hanno, o credono di fare, in misura maggiore o coerenza.

E il sovradimensionamento dei tuoi attributi provoca naturalmente una sensazione di disgusto e un atteggiamento negativo in tutte le circostanze e qualità positive che implicano il ricordo e la convalida.

D'altra parte, l'ostilità tacita, osservata nelle persone con caratteristiche tipiche della personalità passivo-aggressiva, è correlata all'invidia, questo sentimento potrebbe mediare tra uno stato psico-affettivo incrinato e la tendenza a valutare negativamente ciò che gli altri hanno positivamente.

L'invidia isolata, tuttavia, non è un sintomo di una patologia. 

Se questo articolo ti è piaciuto, lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!