Alla moglie è stato diagnosticato un cancro al colon in stadio 4 e, dopo un anno e mezzo di cure per lei e per la propria casa ed i suoi bambini, ha deciso di abbandonarla.

La cura dei malati è complessa. A seconda della malattia, possono sorgere molte sfumature, oltre alla malattia, come reazioni ai farmaci, debolezza fisica, nel tempo, cambiamenti di umore, molta tristezza e, probabilmente, un cambiamento nella routine familiare.

Se la malattia è già insopportabile, il solo pensiero di conviverci e conciliare l'amministrazione ordinaria di una casa e dei bambini ed (inoltre) il lavoro è estenuante. Lo sappiamo tutti. Ma prendersi cura di qualcuno che è malato va ben oltre, è una questione di umanità, gentilezza e affetto.

Un caso controverso è stato condiviso sul web in cui un marito è stanco di prendersi cura di sua moglie con un cancro terminale. Il racconto di un uomo della sua routine estenuante che dura un anno e mezzo è forte, dal momento che la donna ha smesso di fare qualsiasi attività a casa a causa della malattia.

L'uomo, che non si è identificato, spiega che un anno fa sua moglie non ha potuto fare nulla in casa ed è diventata scortese, iniziando a urlare e piangere tutto il tempo. Oltre a biasimarlo per non aver mostrato gentilezza, forse ciò non è necessario poiché ha messo a disposizione comunque tutta la sua vita per prendersi cura di tutto il necessario durante la sua malattia.

Si ritrova a perdere la sua identità, così ha deciso di prendere una decisione drastica: Abbandonare la moglie in ospedale. Sì, è giusto. Secondo il suo racconto, ha scoperto che sarebbe stato troppo burocratico metterla in una casa di cura e, dopo aver parlato con il padre di 74 anni, ha appreso che se nessuno viene a prendere un paziente quando viene dimesso, ma l'amministrazione dell'ospedale contatta un'équipe di assistenza sociale che lo invia in un reparto specializzato.

Il marito ha, quindi, aspettato il momento in cui la moglie sarebbe dovuta andare in ospedale, cosa che non ha tardato ad accadere dal momento che soffre di cancro al colon in stadio 4. Fu allora che si rese conto che, nella settimana in cui era stata via, la sua routine era migliorata. 

L'uomo non doveva più avere a che fare con una persona arrabbiata tutto il tempo, mentre esercitava le funzioni di madre, padre, infermiera e ancora usciva per adempiere al suo carico di lavoro retribuito.

Quando l'ospedale ha chiamato per dire che sarebbe stata dimessa, ha detto che non voleva più prendersi cura di lei. Le persone dell'unità sanitaria hanno iniziato a chiamare con insistenza suo marito, implorandolo di cercare sua moglie, ma ha mantenuto la sua decisione e li ha informati che avrebbero dovuto mandarla in una clinica specializzata e informare gli assistenti sociali che ciò sarebbe accaduto come il prima possibile.

Infine, l'uomo chiede nella sua pubblicazione se è cattivo per aver raggiunto il suo limite. La coppia ha tre figli, due maschi di 18 e 16 anni e una femmina di 15 anni.

Il più giovane era quello più infuriato per l'atteggiamento del padre e tutti erano impegnati a prendersi cura della madre in ogni momento, ma lui spiega che l'assistente sociale sarebbe stato in grado di fare il suo lavoro con eccellenza, aiutando la moglie a organizzare un'installazione appropriata.

Prendersi cura dell'altro non è un compito facile e spesso è lasciato più nelle mani delle donne che degli uomini, come se fosse un'abilità insita nella femminilità.

Se c'è un membro della famiglia malato, di solito è la donna della famiglia che si assume la responsabilità della loro cura e lo fa con tutte le fasce d'età prendendosi cura di figli, nipoti, nonni, suoceri, tra gli altri. Questo lavoro, che non ha remunerazione e comporta un onere estremo, non è proprio semplice, ma l'uno deve vedere l'altro come un paziente e come una persona vulnerabile, che ha bisogno di quel sostegno e di quell'aiuto.

Cosa ne pensate di questo caso controverso?

Se questo articolo ti è piaciuto, lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!