Curiosità

Modello con ascelle naturali conduce la campagna Adidas. Rottura del modello e normalizzazione dei peli femminili

Leila Davis è stata scelta per la nuova collezione di abbigliamento sportivo del brand. Ma ciò che ha attirato l'attenzione sono state le critiche che ha ricevuto per avere i peli delle ascelle.

Per diversi anni, l'industria della bellezza ha escluso e discriminato alcuni corpi femminili. Molte donne non si sentono rappresentate dai grandi marchi, ma qualcosa che sta cambiando grazie agli sforzi di sensibilizzazione che mostrano la bellezza nella realtà e nella naturalezza.

Quando i grandi marchi democratizzano la bellezza, raggiungono un numero molto maggiore di consumatori. Sono conosciuti sia per nome che per fidanzamento.

È stato il caso di Adidas, che qualche settimana fa ha lanciato una collezione di abbigliamento sportivo e il focus è stato proprio sul modello. Una donna di colore con le ascelle non rasate ha causato alcune polemiche.

Leila Davis è una ballerina e coreografa di poledance. È stata scelta per guidare la campagna e il dettaglio dei peli sotto le ascelle ha catturato molta attenzione, anche se lo scopo del catalogo era solo quello di naturalizzarle.

La stessa modella ha usato il suo Twitter per parlare dell'argomento e ha persino affermato che una donna è molto criticata per non essersi rasata e non avrebbe detto nulla se fosse un uomo protagonista della campagna. Ha continuato riferendo che, dopo tutto, il fatto di essere nera sembrava causare ancora più rabbia nelle persone che si offendevano persino con commenti relativi all'igiene.

In risposta alle persone che hanno espresso tali critiche, dice che erano arrabbiate perché un grande marchio vede le donne in modo diverso e non standardizzato come tanti altri. Anche Adidas ha difeso la sua posizione, sottolineando che il suo impegno è soddisfare tutte le esigenze degli atleti e rappresentarli, senza escludere nessuno.

Non è oggi che il marchio scommette sulla naturalizzazione dei peli femminili. Nel 2017, secondo il sito web di Metropoles, Adidas ha anche lanciato una campagna con protagonista una modella con i peli sulle gambe. Come ora, la modella è stata oggetto di commenti offensivi.

Una cosa è certa: La libertà per le donne di essere ciò che vogliono, di indossare ciò che vogliono e di radersi o meno è arrivata, ma non ancora del tutto la si accetta. Anche con la società che parla apertamente, l'era degli interruttori di schemi è già in atto. Questo vale per qualsiasi tipo di carrozzeria che non sia nello standard. Le aziende e i grandi generatori di contenuti hanno già capito che l'inclusione è la chiave del successo.

Se questo articolo ti è piaciuto, lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!

Tags
curiositàmodellaascellepelirasareneraigienecritiche
COMMENTA