Le nostre relazioni sono specchi che ci riflettono. In ogni momento della mia vita, vedo come ci sono così tante cose che non so ancora con cui non ho esperienza. Più vivo, più vedo l'importanza di tutti, lo scambio di esperienze.

Se non conosco qualcosa, qualcuno nella mia relazione potrebbe aver sperimentato qualcosa di simile e fornirmi la propria esperienza e aiutarmi a affrontarlo meglio, e viceversa. Siamo più forti quando commerciamo, ci aggiungiamo alla vita reciproca.

Negli affari umani, per quanto differenti possiamo essere gli uni dagli altri, siamo simili nel dolore, nell'amore, nella gioia, nella tristezza. La natura umana è uguale per tutti, anche se la percezione è individuale.

Ogni fase è una fase, ogni momento è un'esperienza, un'opportunità, una possibilità di scambio.

Ogni momento è unico e contribuisce al nostro sviluppo personale. Quando stiamo vivendo qualcosa di meraviglioso, speciale, non ci rendiamo conto che passerà, perché tutto passa. Dobbiamo eternizzare, attraverso i nostri sentimenti e ricordi, solo ciò che merita davvero di essere viene aggiunto, qualcosa di buono, esaltante, quindi abbiamo la necessità di filtrare tutto.

Non vale nemmeno la pena sprecare il prezioso tempo delle nostre esperienze, amicizie, amori e affetti con bigiotteria, poiché presto arriveranno altri momenti.

Oggi il mio rapporto con me, ogni giorno è più facile, anche con gli altri, non perdo molto tempo con le cose più piccole, voglio vivere la parte migliore, consapevole che esistono le pietre, anche gli ostacoli, ma voglio mirare oltre, superare ciò che non è del mio meglio e aggiungere solo energie di speranza, comprensione, amore, gioia, piacere, gentilezza, generosità, compassione.

Posso capire meglio che tutti i buoni sentimenti devono essere coltivati in me e quindi distribuiti a tutti. Come posso capire meglio il mio amore, mio figlio, il mio vicino, amico, se non capisco me stesso, se non conosco me stesso? Come perdonerò l'errore di qualcun altro, non essendo così critico nei confronti di tutti, se non perdono i miei errori, se mi giudico troppo, se continuo a criticarmi?

Piuttosto, abbiamo bisogno di una migliore comprensione dei nostri sentimenti, una migliore elaborazione, quindi pratica quotidiana del perdono di sé, dell'amore di sé, dell'essere gentili con noi stessi, accettandoci così come siamo, essere consapevoli della verità su noi stessi, non criticare noi stessi ogni volta che Abbiamo sbagliato o non stiamo facendo qualcosa esattamente come vorremmo, ma ci scusiamo per aver fatto del nostro meglio.

Pianta il meglio dentro e fuori di te, pianta bellissimi semi, innaffia la dolce acqua dell'amore, vedi sbocciare bellissimi fiori e molta luce che si diffonde in te. Una fonte inesauribile dei migliori sentimenti che vuoi trovare nelle persone verrà da te.

Tutti possiamo trasformare ciò che non è così buono in qualcosa di molto meglio, come la buona volontà, la speranza, la forza di volontà, la fede, il beneficiario, la luce radiante, l'espansione.

Sostituire le critiche con le responsabilità ci rende più felici con noi, quindi le nostre relazioni sono più facili, perché sono come specchi, ci riflettono.

Sii migliore e diffondi il meglio nel mondo e intorno a te stesso, invece di giudicare sempre gli altri.

Lascia un mi piace e condividi l'articolo con i tuoi amici!