Curiosità

La donna si innamora del fidanzato virtuale, viene rapita e trascorre otto mesi in suo possesso

I social network e i siti di incontri sono stati creati in modo che le persone con affinità, ma che potrebbero non incrociarsi mai per strada, possano conoscersi. Ma mentre queste piattaforme collegano individui che vogliono avere una relazione, possono anche far impersonare persone normali a bulli, sospettati di crimini violenti e persino psicopatici.

Senza conoscere il passato di qualcuno e com'è ogni giorno, Internet può nascondere il lato violento di molte persone. Come fai a sapere se quell'uomo con cui parli da mesi è davvero chi dice di essere?

Come fai a sapere se lavora davvero dove dice? Purtroppo non sempre questi dubbi possono essere chiariti, soprattutto quando l'indagato è in grado di frodare informazioni e persino fotografie.

Per la scrittrice 61enne Ruth Tunnicliffe di Leeds, in Inghilterra, innamorarsi di Peter McMahon non è stato affatto difficile. Era in procinto di separarsi dal suo ex marito alla fine del 2010 quando quell'uomo si è presentato promettendo una nuova vita, qualcosa di allettante per il momento in cui stava passando.

Madre di tre figli, Ruth spiega che Peter ha iniziato a perseguitarla tramite Facebook e le ha inviato dozzine di messaggi, che sono rimasti senza risposta. Ma lo scrittore decise di arrendersi, e le conversazioni finirono per trasformarsi in promesse, poiché l'uomo aveva l'abitudine di cercare di creare un legame con le sue vittime attraverso l'impegno che assumeva con loro, anche se non li avrebbe mai mantenuti.

Ed è così che è iniziato tutto, una promessa di un contratto da modella per sua figlia, scambiando numeri e chiacchierando ogni giorno, fino a quando Peter la convinse ad andare a Nashville, negli Stati Uniti, per fargli visita, e Ruth comprò i biglietti di andata e ritorno a febbraio 2011. Il loro primo contatto è stato all'aeroporto e i primi giorni sono stati romantici e incredibili.

Contrariamente a quanto molti immaginano, gli aggressori di solito non agiscono sempre violentemente, di solito le vittime di violenza domestica denunciano un inizio di relazione totalmente diverso, senza nemmeno immaginare che i loro partner possano essere criminali.

Peter era un uomo popolare perché, come dice lei, veniva accolto ovunque. Ha fatto un punto di presentare Ruth come la sua fidanzata, essendo affascinante e convincendola che avrebbero dovuto avviare un'attività insieme, che probabilmente avrebbe avuto molto successo.

Ruth iniziò a trovarlo strano quando iniziarono a viaggiare attraverso gli Stati Uniti, dormendo sempre negli hotel, senza mai essere invitati a casa di Peter. Il giorno prima del suo ritorno in Inghilterra, il suo passaporto scomparve misteriosamente, il che significava che era intrappolata in Nord America.

Ma siccome i due erano ancora nella cosiddetta fase “luna di miele”, hanno trascorso circa due o tre mesi a divertirsi, vivendo solo con la carta di credito di Ruth. Non appena ha finito i soldi, ha cominciato a notare che qualcosa stava cambiando nel comportamento di Peter, stava diventando sempre più violento, e sentiva di non poter dire proprio nulla.

Il senso di urgenza ha cominciato a prendere il sopravvento quando il loro rapporto si è rapidamente deteriorato, ma la scomparsa del passaporto e il modo in cui è stato trattato fanno riferimento a un rapimento e alla reclusione.

Se Ruth avesse osato fare qualsiasi tipo di domanda, l'avrebbe immediatamente impiccata, dimostrando che non c'era nulla nel suo comportamento che le ricordasse quello che avevano passato poche settimane prima.

Senza il suo passaporto ed essendo costantemente minacciata, la mancanza di denaro rendeva la situazione ancora più brutale, poiché la dipendenza di Ruth diventava sempre più evidente.

La coppia ha dovuto lavorare in un bar per sopravvivere, ma non hanno ricevuto alcuno stipendio, poiché Peter ha proposto al proprietario dello stabilimento di pagare le spese della coppia con i soldi del loro lavoro.

Con pochi soldi, quasi tutte le notti dovevano dormire in macchina. Ma Ruth ha trovato il suo passaporto, che era nascosto, e ha deciso di pianificare la sua fuga il più rapidamente possibile. Dato che avevano la macchina, aveva deciso di parcheggiarla a un paio di isolati di distanza dal bar dove lavoravano, così da poter rimediare che aveva dimenticato qualcosa in macchina.

Fortunatamente, il tuo piano ha funzionato. Più tardi quel giorno, ha mentito dicendo di aver dimenticato qualcosa di importante in macchina, è corsa da lui, ha afferrato una piccola scatola delle sue cose, che aveva nascosto, e si è precipitata alla stazione di polizia più vicina. Non appena attraversa la porta circolare, rivela di essere crollata a terra, sapendo che sarebbe tutto finito.

Un ufficiale si è preso la responsabilità di ascoltare l'intera storia di Ruth e ha dichiarato che se lei non glielo avesse permesso, probabilmente sarebbe stata in grado di farlo solo in un "sacco per cadaveri". È tornata nel Regno Unito. Una volta arrivato Peter, ha provato a contattarla un paio di volte e ha detto che non avrebbe mai restituito i soldi spesi con la sua carta di credito.

Ruth è rimasta con più di R$ 200.000 di debiti e spiega che Peter l'ha scelta proprio perché sapeva quanto fosse vulnerabile. Aveva appena divorziato, era madre e probabilmente era "giù". Anche se sente che c'è un "alto costo emotivo per tutto questo", crede che la sua storia debba essere raccontata.

Ha scritto una trilogia delle sue memorie, la cui prima edizione uscirà presto, intitolata "Amare, onorare e tradire''. Ruth, che ora è sposata, sta ancora valutando come chiamare gli altri due libri. L'ubicazione di Peter McMahon rimane sconosciuta.

Se questo articolo ti è piaciuto lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!

Tags
emozionistoriacoppiarapitapossessosocialamorerelazione
COMMENTA