Il titolo di questo articolo sembra più un cliché sull'argomento, ma in realtà stiamo vivendo una “ondata turbolenta” di ansia che colpisce tutte le dimensioni della vita sociale, anche così è una questione trattata superficialmente. 

Ecco perché dobbiamo comprendere i disturbi che può scatenare nella nostra mente e nel nostro corpo. L'ansia è uno stato emotivo, che è associato a sentimenti di insicurezza e incertezza, che già proviamo in misura minore o maggiore. 

Ha una funzione adattativa, che muove le nostre risorse psichiche e fisiche, come un modo per anticipare una situazione pericolosa. Tuttavia, l'ansia diventa dannosa, come ha detto Seneca: "Niente è così pietoso e dannoso come anticipare le disgrazie".

Per Freud, siamo nati inclini all'ansia, che costituisce la capacità di reagire alle minacce che mettono in pericolo la nostra sopravvivenza. Tuttavia, quando diventa un'anticipazione nevrotica delle circostanze, perde il suo ruolo di autoprotezione.

Lo psicoanalista Rollo May ha detto che “molte persone sono impegnate solo per nascondere la loro ansia; il loro attivismo è un modo per sfuggire a se stessi. 

Hanno uno pseudo e temporaneo senso di vitalità che corre da una parte all'altra, come se stessero facendo qualcosa solo perché si stavano muovendo, o come se essere occupati fosse la prova della loro importanza ".

Nella stessa prospettiva di May, il sociologo Zygmunt Bauman ha avvertito che l'ansia è il segno distintivo della nostra modernità liquida, dove le relazioni sono sempre più disponibili e permeate di sentimenti di rifiuto, fallimento, disapprovazione, perdita di prestigio, ecc.

Inoltre, la violenza, la povertà, la disoccupazione ei tragici effetti della pandemia di coronavirus hanno aumentato i livelli di ansia, che irrigidiscono i muscoli del corpo, accelerano il battito cardiaco, stringono il petto, lasciano la bocca secca, generano disagio addominale, tra gli altri sentimenti negativi.

La nostra era di ansia ha un legame intenso con l'iperconnettività, che è caratterizzata dall'uso eccessivo di tecnologie, che produce i sintomi della “nomofobia”, cioè la paura irrazionale di non usare smartphone e social network per nessun motivo.

Non c'è dubbio che l'ansia fa parte della vita, tuttavia, nel momento in cui sopravvaluta gli eventi dolorosi e tristi che appartengono alla condizione umana diventa un disturbo della personalità che provoca sofferenza e incide sui rapporti personali.

Nonostante ciò riusciamo ad affrontare l'ansia, poiché ci sono risorse a nostra disposizione, come l'adozione di sane abitudini, la pratica spirituale e per i casi più gravi l'uso di farmaci ansiolitici, sotto guida medica.

Se questo articolo ti è piaciuto, lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!