La guerra in Ucraina giunge al 229esimo giorno. Dopo mesi di tranquillità Kiev è tornata nel mirino: è la risposta di Putin all'attacco al ponte di Crimea. Diverse esplosioni, dovute a un attacco con missili, sono avvenute nella capitale ucraina. Segnalate vittime e feriti. Zelensky: "Russi stanno cercando di spazzarci via". Missili piovuti anche su Leopoli, Dnipro e Mykolaiyv. Dopo lo scambio di accuse tra Mosca e Kiev sui responsabili dell'esplosione sul ponte, il Nyt rivela: "Dietro l'attacco ci sono i servizi di intelligence ucraini".

"L'Italia è inorridita dai vili attacchi missilistici che hanno colpito stamane il centro di Kiev e altre città ucraine". Lo rende noto la Farnesina. "Ribadiamo il fermo e convinto sostegno all'Ucraina, al suo popolo e alla sua resilienza, ed esprimiamo al contempo piena condanna e massima indignazione per un gesto che aggrava le responsabilità russe nel contesto della sua ingiustificabile aggressione", si legge ancora.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha parlato con il suo omologo francese Emmanuel Macron dopo gli attacchi russi a diverse città. "Abbiamo discusso il rafforzamento delle nostre difese aeree, la necessità di una dura risposta europea ed internazionale, nonché della necessità di aumentare la pressione sulla Russia. La Francia è con l'Ucraina", ha scritto Zelensky su Twitter.