Nessuna delle cinque vittime dell'incidente mortale, avvenuto sabato sera nel Bresciano, aveva la patente. E' quanto hanno constatato gli investigatori che indagano sulla dinamica dello schianto tra un pullman e la vettura su cui erano a bordo i ragazzi, Dennis Guerra, 19 anni, Imad El Harram e Imad Natiq, 20 anni, Salah Natiq, 22 anni, e Irene Sala, di soli 17 anni.

Inoltre l'auto, che sarebbe stata guidata da Salah Natiq, era di un amico, che li seguiva su un'altra vettura. Secondo quanto scrive il Giornale di Brescia, le verifiche su chi fosse il conducente sono ancora in atto. "Non ci hanno detto ancora chi guidasse, ma mio figlio non aveva la patente, neanche suo cugino né l'amico", ha confermato il padre di Salah Natiq, il più grande dei ragazzi deceduti. Le giovani vittime abitavano con le famiglie tra Vestone, Sabbio Chiese, Preseglie e Villanuova sul Clisi.

Lo schianto è avvenuto sabato sera, dopo una grigliata tra amici Sabbio Chiese: i giovani erano diretti a Brescia per incontrarsi con altri ragazzi nei pressi della stazione. Non è ancora chiaro come mai il proprietario dalla macchina, che è sopraggiunto pochi momenti dopo il tragico schianto, si trovasse su un'altra auto. La polizia continua a indagare per fare luce su alcuni punti ancora poco chiari.