Non molto, non molto, guardiamo l'altro e, se non possiamo abbracciarlo in questo momento, almeno con gesti, segni, atteggiamenti, fargli sapere che, sì, ci prendiamo cura di lui.

Siamo in quarantena. Lavoro, università, scuole, corsi, palestre, feste, bar, centri commerciali. Tutti, o quasi, obbediscono al "coprifuoco". Noi, che abbiamo visto così tanti film su pandemie, cospirazioni, ecc., E pensato che fosse una semplice fantasia che usciva dalla mente fertile di un regista pazzo, trasformato in uno scienziato, guardato, spalancato, l'adempimento di tali profezie.

Un mix di "I am the legend", "The village", "Mission impossible" e "The dopodomani". Se prima, raccolti dal secchio di popcorn, ridevamo oggi, separati e collegati solo da telefoni cellulari, assistevamo, con angoscia, alla soglia di un'era in cui non avremmo mai immaginato di vivere.

Stare a casa, che era una punizione solo per i bambini, ora è legge anche per i potenti leader delle nazioni, che delegano chi va in strada e chi rimane a casa. Pochi privilegiati. La maggior parte viene gettata nella tana dei leoni del trasporto pubblico.

Fuori fa troppo freddo. La paura congela il respiro e accelera il battito del cuore afflitto. Pericolo. Dicono. Nemico invisibile. Imprevedibile e prevedibile.

Le risate dei bambini che giocano nelle piazze. Non più. Gli anziani si radunarono per il ponte del tardo pomeriggio. Non più. Amici che si abbracciano alla fine della giornata. Non più.

Il nemico soccomberà, il male soccomberà e prevarrà il bene! L' amore parlerà più forte. E tutte le difese dell'avversario verranno abbattute. Ci stiamo rafforzando, studiando strategie, diventando più saggi. Il ritiro con i nostri anziani è necessario.

L'universo ha fermato il tempo per noi di avere questa volta. Il male ha il suo lato positivo. Il vantaggio che il suo potere catastrofico porta ci porta un grande insegnamento.

A volte è necessario rallentare. Il dolore della perdita ci affliggerà all'interno, ma ci farà capire che, indipendentemente dalla classe sociale che occupiamo, non siamo potenti come pensiamo di essere. Siamo uguali.

Nella fragilità della nostra esistenza, siamo tutti suscettibili e piccoli. Possa il male insegnarci che dobbiamo dire quanto ci prendiamo cura gli uni degli altri, che il nostro ego diminuisce e che ci dedichiamo non solo alla costruzione di un impero, ma che, mentre ci sediamo sul trono del nostro sforzo, siamo umilmente grati. Grati per il dono di essere vivi.

Se questo articolo ti è piaciuto, lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!