EmozioniIl dolore è il miglior insegnante nella vita!

12/08/2018 - 15h

Ho pensato agli eventi e alle esperienze passate della mia vita, alle storie quotidiane che ho ascoltato e alle cure che ho già fatto, e oggi concludo che la morte è qualcosa che può "magnificarci".

Come? Spiego: quando perdiamo una persona amata, quando finiamo un ciclo professionale o amorevole, ci rendiamo conto che la fine di qualcosa ci offre un'incredibile opportunità di conoscenza, valutazione e ripresa.

Conoscete questa frase "il dolore è il miglior insegnante nella vita", perché è troppo vero! Quando siamo di fronte al dolore della perdita, della separazione o della fine di qualcosa, siamo obbligati e reinventarci a cercare nuove alternative di vita e persino di sopravvivenza.

Gli studi hanno dimostrato che molti pazienti, rendendosi conto che la morte si sta avvicinando o che sono alla fine della loro vita, si pentono di non aver amato di più, non avendo trascorso più tempo con le loro famiglie, i baci che non hanno dato, tutte cose che i soldi non possono comprare. Tutto questo si chiama VITA!

Trascorriamo tutta la nostra vita molto più preoccupati nel soddisfare bisogni economici e i vuoti nella nostra esistenza diventano enormi voragini e buchi dentro di noi, e viviamo una vita così automatica che non ci rendiamo conto di quanto tempo passa.

E quando siamo di fronte alla morte di qualcuno, il "plateau" di quanto insignificante siamo viene prima di tutto.

Quando vengono licenziati da un lavoro, molti si sentono offesi e diventano vittime della società e dell'economia del paese. Solo la persona auto-apprezzata ha il discernimento per concludere che non era abbastanza bravo, che non ha fatto del suo meglio o che ora ha la possibilità di seguire un nuovo sogno o progetto, di fare effettivamente ciò che gli piace e anche di studiare e migliorare, prepararsi per un passo nuovo, e più sarà preparato, più sarà felice.

Continua a leggere...

E quando una relazione d'amore finisce, qualunque cosa sia, ci sono sentimenti di rabbia, tristezza, delusione, impotenza e frustrazione. E quando il cuore si calma arriva la sensazione di mancanza, ma la possibilità unica di analizzare se era davvero amore, l'ego o l'accomodamento o di concludere che tutto funzioni per un certo tempo e sia finito. Accettare amorevolmente la fine è il modo migliore per entrambi.

In breve, questi esempi delle vite di tutti noi sono le possibilità di amare di più noi stessi, di vedere che a volte sprechiamo così tanto tempo dando più significati a cose che sono davvero così piccole.

Approfitta dell'opportunità di un fine per ricominciare in modo più forte, altrimenti, con più discernimento, cercando nuove alternative e diventando più "potenziato" negli atteggiamenti che fino ad oggi non avevi.

Anche nei tarocchi, la lettera di morte significa "fine di qualcosa" e non morte fisica. E se c'è qualcosa che devi uccidere dentro di te, allora arriva il tempo per la chiusura e l'apertura a nuove possibilità. 

Vai avanti, sempre.

Tags
lezionivitaamoredelusionesentimentifinerelazionemorteluttomodificacambiamentidentroteletterepossibilit
Loading...