BenessereGli scienziati hanno creato una retina artificiale in grado di ripristinare la vista

02/09/2018 - 13h

Gli scienziati hanno sviluppato un impianto retinico in grado di ripristinare la visione persa nei topi e stanno pianificando di testare la procedura negli esseri umani entro la fine dell'anno. L'impianto, che converte la luce in un segnale elettrico che stimola i neuroni retinici, potrebbe dare speranza a milioni di persone che hanno una degenerazione della retina e altri problemi che portano alla cecità.

La retina si trova nella parte posteriore dell'occhio ed è composta da milioni di questi fotorecettori sensibili alla luce. Ma le mutazioni in uno qualsiasi dei 240 geni identificati possono portare alla degenerazione retinica, dove queste cellule fotorecettrici muoiono, anche se i neuroni retinici attorno a loro non sono influenzati.

Poiché i nervi retinici rimangono intatti e funzionali, ricerche precedenti hanno esaminato il trattamento della retinite pigmentosa con dispositivi oculari bionici che stimolano i neuroni con le luci. Ora un team guidato dall'Istituto Italiano di Tecnologia ha sviluppato un nuovo approccio, con una protesi impiantata nell'occhio che funge da sostituto della retina danneggiata.

L'impianto è costituito da un sottile strato di polimero conduttivo, posizionato su un substrato a base di seta e coperto con un polimero semiconduttore. Il polimero semiconduttore funge da materiale fotovoltaico, assorbendo fotoni quando la luce penetra nella lente dell'occhio.

Quando ciò accade, l'elettricità stimola i neuroni della retina, colmando il vuoto lasciato dai fotorecettori naturali danneggiati dell'occhio. Per testare il dispositivo, i ricercatori hanno impiantato la retina artificiale negli occhi dei topi di laboratorio che avevano sviluppato qualche malattia di tipo 1.

Dopo che i topi sono stati sottoposti a una completa guarigione 30 giorni dopo, i ricercatori hanno testato come erano sensibili alla luce attraverso il riflesso pupillare, rispetto ai topi sani e ai topi non trattati.

Sulla base dei risultati, il team conclude che l'impianto attiva direttamente "circuiti neurali residui nella degenerata retina," ma richiederanno ulteriori ricerche per spiegare esattamente come funziona la stimolazione a livello biologico.

"Il principio dettagliato del funzionamento della protesi rimane incerto", spiegano i ricercatori nell'articolo. Mentre non vi è alcuna garanzia che i risultati visti nei topi si tradurranno in esseri umani. Il team spera che ciò accada.

Tags
benesseresalutescienzaocchioretinaartificialescienziati
Loading...