CuriositàGli scienziati hanno appena clonato le scimmie, gli esseri umani potrebbero essere i prossimi

19/03/2018 - 20h

Dalla nascita della pecora Dolly nel 1996, gli scienziati di tutto il mondo hanno usato la stessa tecnica per clonare quasi due dozzine di altre specie animali, inclusi gatti, cani, ratti e bovini. I primati, tuttavia, si erano dimostrati resistenti al processo, fino ad ora. In un nuovo studio pubblicato su Cell, un team di ricercatori cinesi guidati da Qiang Sun presso l'Institute of Neuroscience dell'Accademia delle scienze cinesi a Shanghai rivela che hanno trovato il modo di modificare la tecnica di clonazione di Dolly per farlo funzionare nei primati.

I loro sforzi hanno portato alla nascita di due macachi clonati: Zhong Zhong e Hua Hua. La tecnica usata per clonare Dolly, trasferimento nucleare di cellule somatiche, comporta la sostituzione del nucleo in un uovo donatore con un nucleo prelevato da una cellula di un altro animale. Gli scienziati hanno usato una corrente elettrica per far credere all'uovo che è stato fecondato, in questo modo si sviluppa un embrione che può  essere impiantato in un surrogato per la gestazione. L'animale che risulta dalla gravidanza sarà una copia genetica di qualunque animale abbia donato il nucleo.

Nei primati, il processo ha tradizionalmente fallito nello stadio di blastocisti dello sviluppo embrionale. Per superare questo ostacolo, il team di Sun ha aggiunto due nuovi elementi alla consueta collezione di nutrienti e fattori di crescita che vengono tipicamente introdotti negli embrioni prima dell'impianto sostitutivo. Questi nuovi elementi, un composto chiamato tricostatina A e RNA messaggero, hanno aiutato a indirizzare il DNA a crescere correttamente stimolando centinaia di geni necessari per il successo dello sviluppo embrionale in azione.

Il team ha quindi testato la propria tecnica utilizzando cellule di macachi adulti e fetali. Sebbene i tentativi di utilizzare cellule di macachi adulti abbiano prodotto due animali vivi, nessuno dei due è sopravvissuto molto tempo dopo la nascita e il corpo non si è sviluppato correttamente, quindi i ricercatori hanno deciso di provare a utilizzare cellule di macachi fetali. Hanno impiantato 79 di questi embrioni in 21 surrogati. Sei dei surrogati rimasero incinta, e Zhong Zhong e Hua Hua furono le uniche due nascite di successo.

È vero, quei numeri non sembrano troppo impressionanti, ma è un progresso notevole. Mentre il team cinese non è il primo a clonare un primate, è il primo a farlo utilizzando una versione modificata del metodo Dolly. Questo è stato a lungo un obiettivo dei ricercatori perché offre un grande vantaggio rispetto al metodo precedente, che comportava la divisione di un embrione dopo la fecondazione. Mentre quella tecnica poteva produrre solo un massimo di quattro animali clonati, il metodo Dolly poteva teoricamente portare ad un numero illimitato di cloni.

La possibilità di creare set di macachi geneticamente identici sarà probabilmente estremamente preziosa per la ricerca medica. I macachi sono più vicini agli esseri umani geneticamente rispetto ai topi, quindi le intuizioni ricavate dai test su di loro hanno molte più probabilità di tradursi negli umani.

L'uso di animali clonati invece di quelli che sono semplicemente correlati aggiunge anche un livello di precisione al test creando un vero "controllo". In laboratorio si potevano sviluppare interi gruppi di macachi con geni legati all'Alzheimer, al morbo di Parkinson o al cancro e i medici potevano testare diversi trattamenti sugli animali per avere un'idea precisa di come avrebbero risposto. Potrebbero anche apportare piccole modifiche ai geni di un animale per vedere come si è sviluppato in modo diverso dal resto della popolazione.

Alcuni potrebbero essere preoccupati del fatto che il successo della clonazione dei macachi ci avvicini di un passo alla clonazione degli umani. Tuttavia, il coautore dello studio Mu-Ming Poo ha dichiarato al National Geographic che la squadra non ha intenzione di applicare il proprio metodo all'uomo. Non hanno nemmeno alcun incentivo a farlo, secondo Peter Andrews, professore nel dipartimento di scienze biomediche dell'Università di Sheffield. "Potrebbe essere un passo verso la clonazione umana, ma perché farlo?", Ha detto Andrews a New Scientist. "In termini di biologia umana, è illegale clonare un essere umano in Gran Bretagna e in molti altri paesi, e non credo che qualcuno voglia razionalmente  farlo".

Dato il basso tasso di successo per la tecnica della squadra cinese, non siamo ancora al punto in cui i ricercatori possono facilmente creare eserciti di primati clonati in laboratorio. Tuttavia, se il gruppo è in grado di perfezionare la procedura, i nomi Zhong Zhong e Hua Hua potrebbero diventare sinonimo di successi nella clonazione in futuro, come Dolly è in questo momento.

Ma ecco la cosa da ricordare: abbiamo infranto la barriera tecnica alla clonazione degli umani, e non si può tornare indietro. Mentre i regolamenti nazionali e internazionali prevengono la clonazione umana, non tutti rispettano la legge. Qualcosa che dobbiamo capire è che i progressi scientifici non sono sempre determinati da ciò che dovremmo fare, ma semplicemente da ciò che possiamo fare.

Forse è ora di chiederci se potrebbe essere il momento di prendere in considerazione la regolamentazione anziché il proibizionismo?

Tags
Scienziaticlonazionescimmieumani
Loading...