L'empatia può svolgere un ruolo chiave nelle nostre relazioni con gli altri, ma gli scienziati non l'hanno ancora esplorata a fondo. Secondo loro, alcune parti del cervello sono associate al comportamento empatico e questi elementi ne sono la prova.

Specchio dei neuroni

I ricercatori hanno scoperto un gruppo speciale di cellule cerebrali responsabili dell'empatia. Queste cellule sono responsabili della condivisione del dolore, della paura o della gioia con l'altra persona. si pensa che queste cellule siano molto più attive nelle persone con livelli più elevati di empatia. 

Si attivano a causa di eventi esterni. Ad esempio, ci sentiamo tristi perché il nostro amico è triste, o siamo felici perché la persona amata è felice. 

D'altra parte, secondo la scienza, psicopatici e sociopatici mancano di senso di empatia. Ciò significa che non hanno la capacità di provare empatia come le altre persone.

Campi elettromagnetici

Il cervello e il cuore hanno la capacità di generare campi elettromagnetici responsabili della trasmissione di informazioni su pensieri e sentimenti. Gli empatici possono essere particolarmente sensibili in queste aree, e questo è spesso il motivo del loro "sovraccarico". 

Allo stesso modo, hanno reazioni fisiche ed emotive più forti ai cambiamenti nei campi elettromagnetici del sole e della terra. Li aiuta a essere consapevoli dell'impatto dell'energia sul loro stato mentale.

Fenomeno di "contagio emotivo"

Molte persone "ricevono" i sentimenti di coloro che li circondano. Ad esempio, una persona mostra segni di ansia sul lavoro che può trasmettere ad altri lavoratori. In questo caso, le persone con un livello di empatia più elevato devono imparare a reagire se, ad esempio, il loro amico sta attraversando un periodo difficile. È molto importante sapere come reagire e prendere le misure appropriate per aiutare un amico.

Aumento della sensibilità alla dopamina

Secondo la ricerca, le persone introverse con empatia pronunciata sono più sensibili alla dopamina (l'ormone della felicità e del piacere) rispetto agli estroversi. In altre parole, hanno bisogno di meno dopamina per sentirsi felici. 

Questo potrebbe spiegare perché si sentono più felici se trascorrono del tempo da soli, leggendo o meditando in silenzio. A differenza degli estroversi, gli introversi hanno bisogno di meno stimoli esterni per sentirsi felici e soddisfatti.

Se questo articolo ti è piaciuto lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!