Cane

Dopo aver trascorso 2 anni depresso in un canile, finalmente trova il suo proprietario

Pakita è stata trovata mentre vagava per le strade di un paesino, in Argentina, e catturata da volontari della ONG El Arca Animal. I volontari si innamorarono all'istante di lei, in particolare una volontaria di nome Silvia Ferreyra. 

Ma, sfortunatamente, nonostante il suo atteggiamento caloroso, è stata ignorata dalle potenziali famiglie adottive.

Il tempo passava e Pakita si deprimeva, si ritirava e, per molti versi, si rompeva dentro. Ha perso molto peso, non voleva più mangiare e preoccupava tutti.

Per due lunghi anni, i volontari hanno fatto tutto il possibile per trovare una casa per lei, ma non sono stati in grado, fino a quando non hanno deciso di utilizzare i social media a loro vantaggio, a vantaggio di Pakita e pubblicare una foto di lei e della sua biografia su Facebook.

Alla fine hanno trovato un'opportunità. "Immediatamente, abbiamo ricevuto un messaggio da una donna che diceva che il cane apparteneva a suo figlio e che la stava cercando!", Disse Silvia.

Lo studente Ariel Naveira non ha mai pensato di rivedere il suo cane. Dopo tutto questo tempo, Ariel dovette accettare che Pakita non sarebbe mai tornata a casa. Ma poi sua madre lo ha chiamato dopo aver visto il post di Facebook. 

Non riusciva a credere che fosse lei, e corse al canile il giorno successivo. Tuttavia, dopo così tanto tempo, temeva che lei non lo riconoscesse più.

I volontari portarono Pakita a trovare Ariel e capì immediatamente che era lei, ma Pakita non ne era così sicura.

All'inizio sembrava esitante, a disagio, ma mentre annusa più volte, nota un odore familiare e poi cade sul pavimento con emozione, scodinzolando, aspettando un buon massaggio sul ventre della sua persona preferita nel mondo.

Potrebbero essere passati due anni, ma conosceva quell'odore, quella faccia, quel tocco.

Se questo articolo ti è piaciuto, lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!

Tags
animalicanepersoannitristeproprietariofototrovatoamorefamiglia
COMMENTA