CroancaCovid-19, rifiuta ventilatore polmonare e muore a 90 anni: «Ho avuto una bella vita, datelo a chi è più giovane»

02/04/2020 - 21h

La nuova pandemia di coronavirus ha causato centinaia di mo*ti in tutto il mondo. Le persone che improvvisamente si sono trovate di fronte a un nemico potente ma sconosciuto, se ne sono andate, lasciando molta nostalgia per la famiglia e gli amici.

È il caso della belga Suzanne Hoylaerts, 90 anni, che, anche per salutare, non ha mancato di trasmettere un messaggio di affetto e solidarietà, un messaggio che può servire da esempio per tutti noi.

Mentre era ricoverata in ospedale, ha rinunciato all'uso di un respiratore che sarebbe stato necessario per mantenerla in vita e ha chiesto ai medici di utilizzare il dispositivo su pazienti più giovani, in una condizione simile alla sua.

Secondo il quotidiano belga Het Laatste Nieuws, la lotta di Suzanne iniziò quando sentì una perdita di appetito e mancanza di respiro. 

Dato che era stata ricoverata in ospedale un anno prima, a causa della polmonite, i suoi familiari erano preoccupati e decisero di portarla dal medico.

Suzanne aveva bisogno di essere ricoverata in ospedale, perché la sua saturazione di ossigeno era molto bassa e uno dei test, sfortunatamente, ha confermato un risultato positivo al nuovo coronavirus. Da quel momento in poi, la donna anziana dovette rimanere isolata, separata dalla figlia Judith, una delle sue più grandi sostenitrici.

Ma all'ultimo incontro con sua figlia, la donna anziana ha lasciato un messaggio di conforto, come se avvertisse il peggio. Chiese a Judith di non piangere, poiché aveva fatto tutto il possibile per il suo benessere e disse: "Ho avuto una bella vita".

Solo leggerlo ti spezza il cuore, no? Suzanne era isolata dalla vita familiare e dal contatto diretto con chiunque non fosse adeguatamente protetto contro la malattia.

La sua famiglia, a proposito, era doppiamente preoccupata, non solo a causa dell'età avanzata della donna anziana, ma anche perché non sapeva come avesse contratto la malattia.

Continua a leggere...

Suzanne prese sul serio l'isolamento, non mise in dubbio la decisione dei medici di tenerla completamente lontana dalle altre persone, ma durante il trattamento dimostrò ancora quanto un essere umano con un gran cuore.

Ha detto ai medici che non voleva usare il respiratore artificiale, il modo principale per tenerla in vita. La paziente ha continuato dicendo che aveva avuto una buona vita e ha chiesto ai medici di conservare le attrezzature per l'uso da parte dei più piccoli. Tuttavia, il giorno dopo il ricovero, Suzanne morì.

L'atteggiamento di Suzanne ha toccato tutti, specialmente sua figlia, che si è solo pentita di non poter dire addio alla persona che è stata la sua più grande ispirazione.

A causa della malattia e dell'elevato rischio di contagio, la famiglia non ha potuto partecipare al funerale della signora.

Suzanne, molto probabilmente, era una persona meravigliosa, che ha mantenuto la sua onestà e gentilezza anche in un momento così difficile.

Cosa hai pensato di questa storia emozionante? Lascia il tuo commento e condividilo sui tuoi social network.

Tags
suzanneanzianasignorabelgabelgiocoronaviruscovid19amoregiovanirespiratorepolmonarevita
Ads