CroancaCoronavirus: uno scienziato vincitore del premio Nobel prevede che la pandemia sta per finire

27/03/2020 - 21h

La pandemia di coronavirus ha spaventato migliaia di persone in tutto il mondo. E ci sono molti fattori che portano a questo panorama spaventoso. Il primo è proprio la sua causa, che è ancora sconosciuta. Gli scienziati sospettano che il virus sia di origine animale.

Le ipotesi vanno da polli, pipistrelli, conigli e persino serpenti, ma non c'è ancora consenso sull'ospite del virus che ha dato il via alla pandemia. La città di Wuhan, in Cina, è stata l'epicentro della malattia e da quando è stato diagnosticato il primo caso, la malattia si è diffusa in tutto il mondo a un ritmo allarmante.

E, di conseguenza, non solo il numero di casi sospetti, ma anche i decessi. 

Le strutture sanitarie in diversi continenti sono state sopraffatte dai pazienti che temevano che qualsiasi malessere potesse derivare dal virus fatale.

Supermercati e farmacie iniziarono a rimanere senza scorte di gel , maschere e persino cibo, dopo che i residenti andarono nelle unità di peso per garantire cibo per la famiglia per paura di trascorrere lunghi periodi al chiuso. Questa realtà, infatti, già si sta verificando.

Il coprifuoco è stato implementato in un gran numero di città, dove gli stabilimenti sono chiusi e il caos sembra diffondersi rapidamente come la malattia. La nostra realtà ricorda già le distopie dei film di finzione!

Ma c'è una luce alla fine del tunnel, almeno secondo il parere di Nobel Chimica e biofisico presso l' Università n il dieci-americana di Stanford , Michael Levitt. Le affermazioni di Michael tengono conto delle stime matematiche, ma anche dell'adozione di misure preventive, come il distacco sociale.

A febbraio, Levitt aveva predetto quando la Cina avrebbe iniziato a vedere un declino nei casi di coronavirus. Secondo lui, il paese ebbe circa 80.000 persone infette, con circa 3.250 mo*ti.

Il 16 marzo, cioè un mese dopo la sua anteprima, la Cina ha registrato 80.298 casi e 3.245 mo*ti.

Attualmente, il biofisico prevede lo stesso per gli Stati Uniti e il resto del mondo. Sebbene molti scienziati ed epidemiologi stimino mesi o addirittura anni di proliferazione di malattie e molti decessi, Michael Levitt preferisce credere ai numeri e afferma che i dati non presentano uno scenario così crudele, specialmente nelle città in cui viene spesso detto alle persone di restare a casa per evitare l'affollamento.

Continua a leggere...

Per quanto riguarda gli Stati Uniti, lo scienziato ha tenuto conto dei dati provenienti da 78 paesi che registravano in media 50 nuovi casi di coronavirus ogni giorno. Secondo lui, la tendenza è di migliorare le prospettive, in quanto vi è già una diminuzione del numero di nuove registrazioni.

In Corea del Sud e in Iran, ad esempio, il numero di casi confermati è diminuisce giorno dopo giorno.

Infine, Levitt difende le misure preventive, come il distacco sociale, almeno mentre la ricerca è nella sua fase iniziale. Ma medita anche che, sebbene il tasso di mort*lità del coronavirus sia significativamente più alto di quello dell'influenza, questa non è ancora la fine del mondo, perché la situazione reale, secondo i suoi studi, non è così grave come sembra!

Al Los Angeles Times, il biofisico ha affermato che tutti abbiamo bisogno di controllare il panico e ha garantito che "staremo bene".

Speriamo che le previsioni del biofisico siano corrette! Il mondo è già pieno di difficoltà e ostacoli che sono difficili da superare, come la fame e la viol*nza.

L'umanità non è preparata ad affrontare anni di pandemia. Tuttavia, mentre non sorgono nuovi orizzonti, dobbiamo preoccuparci del fatto e prenderci cura l'uno dell'altro.

Credi anche che tu l'epidemia di coronavirus stia per finire? Lascia la tua opinione nei commenti e diffondi questa notizia attraverso i tuoi social network.

Tags
coronaviruspandemiacovid19mediciricdercatoriviruschinaitaliausa
Ads