C'è un ragazzo di nome Giuseppe che ha voglia di divertirsi con qualche bella ragazza e rivolgendosi ad un suo amico gli chiede di portarlo in qualche locale particolare. Così l'amico lo porta in un club privè, un locale dove tutto è concesso, anche andare a letto con le mogli degli altri. Arrivati al locale, Giuseppe non sta più nella pelle e non vede l'ora di iniziare. Ad un certo punto arriva il direttore del locale che dice:

– Adesso spegneremo le luci e la serata potrà incominciare, auguro a tutti voi un buon divertimento.

Si spengono le luci ed iniziano le prime palpatine. Dopo appena cinque minuti, nel buio si sente una voce che dice:

– Ragazzi organizziamoci.

Ma nessuno ci fa caso e la serata continua. Passano altri cinque minuti e si sente di nuovo la stessa voce che dice:

– Ragazzi vi dico di organizzarci.

E ancora una volta nessuno ci fa caso. Trascorrono altri cinque minuti e questa volta la voce diventa un urlo che ripete per l'ennesima volta:

– Ragazzi, porca miseria, ho detto organizziamoci.

A questo punto interviene il direttore del locale che accende le luci e chiede chi è stato a urlare in quel modo. Risponde Giuseppe il quale dice:

– Sono stato io ad urlare.

Il direttore gli chiede spiegazioni e il ragazzo gli risponde:

– È da un quarto d'ora che si è spenta la luce e l'ho presa tre volte nel sedere senza esser riuscito a toccare nemmeno una tetta!!!

AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA

Se questa barzelletta ti è piaciuta, lascia un commento e condividila con i tuoi amici!