Benessere5 segni che mostrano che hai problemi al cuoio capelluto che non dovrebbero essere ignorati

05/06/2018 - 13h

A differenza dei capelli, il cuoio capelluto è un po' più nascosto dalla vista e non può influenzare direttamente l'aspetto. Tuttavia, arriva un momento in cui il problema diventa così grave che finisce per causare la perdita di capelli e altre gravi condizioni che lo implicano. Ad esempio, la forfora, un prurito continuo o addirittura una desquamazione della pelle del cuoio capelluto sono problemi che possono causare un grande imbarazzo. Per questo motivo, prima di raggiungere questa fase, devi sapere come tagliare il problema alla radice rilevando i 5 segni che mostreremo in seguito.

1. Olio in eccesso e cuoio capelluto grasso

Avere i capelli grassi non è necessariamente una brutta cosa. Il sebo naturale protegge il cuoio capelluto dal perdere umidità e asciugare troppo velocemente. Al contrario, il grasso eccessivo permette a funghi e batteri di proliferare liberamente, producendo forfora e altre condizioni del cuoio capelluto. L'esposizione al sole e al calore provoca una produzione anormale di sebo nella parte superiore della testa e glii uomini e le donne che non hanno l'abitudine di asciugare i capelli dopo il bagno, promuovono l'accumulo di olio.

Va anche notato che il cuoio capelluto grasso tende a colpire gli uomini più delle donne, dal momento che gli uomini producono fino al 50 per cento in più di olio rispetto alle donne. Il modo migliore per diagnosticare se il cuoio capelluto è untuoso è condurre un'analisi nell'area, poiché è possibile vedere letteralmente l'olio accumulato in aggiunta alle sue squame untuose rilevate da immagini microscopiche. Ancora una volta, le pelli oleose sono comuni, specialmente nei paesi caldi. Tuttavia, è meglio trattarli in quanto può influenzare la crescita dei capelli e causare la caduta dei capelli.

2. Secchezza, invecchiamento e prurito del cuoio capelluto

Il cuoio capelluto contiene radici di capelli, ghiandole sebacee, nervi e vasi sanguigni. Questi forniscono lo scambio di fluidi e regolano la temperatura. Se c'è una secrezione insufficiente di sebo si può creare un film idrolipidico protettivo a causa dell'alterazione dei processi precedenti, secchezza e prurito possono verificarsi sul cuoio capelluto. Ci sono molti possibili fattori che causano un prurito secco sul cuoio capelluto: shampoo aggressivi, età, scottature solari e stress fisico ed emotivo. Anche se è comune, è importante affrontarlo, soprattutto se non si desidera avere la perdita di capelli e la forfora.

3. Desquamazione e forfora

Lo sapevi che fino al 50% della popolazione ha la forfora? Ciò si verifica quando il processo di rinnovamento cellulare del cuoio capelluto si accorcia, causando una rapida diffusione delle cellule corneali della pelle, che si uniscono per formare squame visibili. Tuttavia, ci sono due tipi di forfora: l'asciutta è formata da squame bianche che si formano sul cuoio capelluto e cadono dalla testa, causando grande secchezza e prurito. Poi c'è la forfora grassa (dermatite seborroica), che sono scaglie grasse e gialle che aderiscono ai capelli e alla testa. Di solito è associata alla pelle grassa e causata da Malassezia, un microrganismo che nutre gli olii prodotti dalla pelle, irritandoli.

Poiché spesso è un'infezione batterica, potrebbe essere necessario usare uno shampoo con ketoconazolo o solfuro di selenio per uccidere i batteri e alleviare il prurito e la desquamazione. Gli esperti raccomandano l'uso di uno shampoo specializzato in forfora, ma attenzione, quelli che non sono prescritti sono in genere molto potenti. Tieni presente che la forfora eccessiva può anche essere un segno di altre condizioni più gravi come la pitiriasi amiantia, la dermatite seborroica o anche la psoriasi, che richiedono cure speciali da un dermatologo.

4. Dolore al cuoio capelluto e arrossamento

Le tre cause più comuni di un cuoio capelluto rossastro sono danni del sole, allergie e certe irritazioni. Un'eccessiva esposizione al sole, prodotti per capelli aggressivi come lo sbiancamento, la colorazione dei capelli, il minoxidil o altri prodotti capillari contenenti glicole propilenico possono anche causare arrossamento del cuoio capelluto o reazioni allergiche. In questo caso, le tre cose che dovresti fare per alleviare il problema sono: smettere di usare prodotti molto difficili della tua routine quotidiana, usare filtri solari e sieri per il cuoio capelluto.

5. Perdita di capelli

Non è facile affrontare le condizioni del cuoio capelluto che si è deteriorato per raggiungere le fasi più avanzate. Un cuoio capelluto grasso che ha accumulato olio per anni può prevenire la crescita dei follicoli piliferi, e anche se riesci a far fronte al problema immediatamente, potrebbe volerci un po' prima che i tuoi capelli recuperino la loro naturale salute. Inoltre, non è facile sapere cosa fare dopo aver identificato alcune questioni relative a quest'area, ma ci auguriamo che tu abbia chiarito le tue domande dopo aver letto il nostro articolo. 

Tags
benessereattualitàcapellisalutesegniproblemicuoio