Curiosità

Un uomo single che ha sempre voluto essere padre ha adottato una bambina rimasta in ospedale

L'adozione è un tema che genera sempre molto trambusto e ammirazione. Le storie di famiglie che ignorano tutti i pregiudizi e gli stereotipi e accolgono nella loro vita bambini e giovani che hanno bisogno di una casa di amore e comprensione ci commuovono e ci aiutano a capire che i legami più importanti della vita non sono solo il sangue, ma quelli che creiamo con le persone che ci accettano e ci amano per come siamo.

Per molti di noi l'adozione è un desiderio che cresce nel tempo, man mano che diventiamo più stabili e vediamo più chiaramente la realtà di chi cresce senza famiglia. Tuttavia, per altri, questo è un sogno che è stato con loro sin dalla tenera età.

È il caso dell'argentino Pablo Fracchia. Ha sempre voluto essere padre, ma per molto tempo si è chiesto se avrebbe potuto manifestare di nuovo questo grande desiderio. Pablo è un omosessuale ed è cresciuto in una società in cui le persone appartenenti a quel gruppo non avevano gli stessi diritti degli altri.

Tuttavia, l'ex volontario della Croce Rossa si rese conto, mentre Pablo lavorava per la Federazione LGBTQ + del paese, che la popolazione stava diventando più ricettiva alla diversità e gli fece pensare che il suo desiderio di essere un padre stava diventando più possibile. Per questo, secondo quanto ha raccontato, nel 2017 si è iscritto per adottare un bambino.

Come tutti sappiamo, i processi di adozione di solito non sono rapidi e Pablo ha dovuto aspettare fino al 2019 per ricevere buone notizie. Quest'anno ha ricevuto una telefonata su una bambina che aveva bisogno di una casa.

Era Mia, una bambina che all'epoca aveva 1 anno, soffriva di problemi di salute e viveva in un ospedale. Poiché la famiglia biologica non era in grado di sostenere le spese mediche, il tribunale della famiglia ha deciso di mandare la bambina alla casa adottiva dell'ospedale, dove risiedono altri bambini con problemi di salute.

Pablo ha contestato l'affidamento della ragazza con altri tre genitori, ma sono finiti tutti scartati e lui può finalmente incontrare la sua tanto attesa e amata figlia. Ora, vivendo insieme da oltre un anno, è molto evidente che Pablo e Mia hanno una relazione molto sana di amore e cura.

Dedicato a sua figlia, l'uomo ha finito per rinunciare alle sue azioni come volontario per offrire a sua figlia tutte le attenzioni che merita.

Ha descritto Mia come resiliente e potente, a causa di tutte le difficoltà di salute che ha dovuto affrontare da quando era molto giovane, ma ha detto che ora è sana come chiunque altro.

Il rapporto speciale tra i due è la prova che l'adozione trasforma la vita. Possano essere sempre molto felici.

Se questo articolo ti è piaciuto, lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!

Tags
emozionisentimentipensieriadozioneuomobambinaospedale
COMMENTA