News

Sciopero generale della scuola il 30 maggio, nel mirino le norme sul reclutamento dei prof

  • Scuola in rivolta, il 30 maggio sarà sciopero. Ad incrinare definitivamente i rapporti tra il ministro Bianchi e i sindacati della scuola, a pochi giorni dalla fine dell'anno scolastico
  • Scuola in rivolta, il 30 maggio sarà sciopero. Ad incrinare definitivamente i rapporti tra il ministro Bianchi e i sindacati della scuola, a pochi giorni dalla fine dell'anno scolastico, sono state le nuove norme sul reclutamento e la formazione del personale, contenute nel decreto legge 36: uno strappo che, ad oggi, ancor non si è ricucito tanto che le maggiori sigle sindacali, Cgil, Cisl, Uil, Snals e Gilda hanno indetto lo sciopero della scuola per il 30 maggio prossimo. E ci si aspetta un'adesione massiccia. Ieri è infatti fallito il tentativo di conciliazione al ministero del Lavoro. «Nessuna risposta - spiegano le sigle coinvolte - è giunta in merito alle richieste delle organizzazioni sindacali di modifica del dl 36. Ed è mancata ogni forma di possibile mediazione».

    Le richieste sul tavolo vertevano anche sullo stralcio completo delle disposizioni di legge che, secondo i sindacati, incidono sulla libera contrattazione. Avevano chiesto inoltre di individuare le risorse finanziarie per il rinnovo contrattuale e l'assunzione del personale precario. Non solo, oltre allo sciopero per l'intera giornata del 30 maggio i sindacati non escludono la possibilità di effettuare lo sciopero degli scrutini di fine anno. E la scuola finisce nel caos.

    Tags
    scioperoscuolaprofessori
    COMMENTA