Cronaca

Schiaffi e urla ai bimbi dell'asilo: arrestate tre maestre a Caserta

  • Dopo la denuncia di una mamma i carabinieri hanno posizionato le telecamere hanno filmato gli abusi fisici e psicologici.
  • Schiaffi, urla, bimbi imboccati con violenza durante il pranzo o messi in punizione con le mani sulla testa e lasciati soli a piangere. È quanto emerso dall'indagine della Procura di Santa Maria Capua Vetere su una scuola dell'infanzia di Casapulla, nel Casertano. L'inchiesta ha portato agli arresti domiciliari, per maltrattamenti pluriaggravati, tre maestre dell'istituto, una di 25 anni, in servizio da appena due mesi e le altre 50enni che lavoravano da più tempo nella scuola.

    I fatti risalgono allo scorso autunno. Secondo quanto ricostruito dalle indagini, nei confronti degli alunni sarebbero state messe in atto "reiterate condotte di violenza, fisica e psicologica, nonché gravi omissioni nella cura e assistenza", con maltrattamenti "sistematici".

    La madre di due bimbe che frequentano la scuola ha denunciato ai carabinieri i presunti maltrattamenti di cui le piccole erano rimaste vittima. In particolare la più grande delle due aveva raccontato alla madre che veniva imboccata con violenza dalle maestre durante la mensa; la madre ha poi scoperto che lo stesso trattamento veniva riservato anche alla più piccola delle sorelline.

    I carabinieri della Stazione di San Prisco, che hanno ricevuto la segnalazione, e della Compagnia di Santa Maria Capua Vetere, hanno così messo sotto controllo i cellulari delle tre maestre che si occupavano delle due classi in cui erano le sorelline, e all'interno delle aule hanno installato delle telecamere per trovare riscontri alla denuncia.

    Le immagini hanno mostrato che i maltrattamenti delle tre maestre erano sistematici, tra schiaffoni, strattoni, grida e modi piuttosto violenti, specie quando i bimbi facevano qualche capriccio durante i pasti. Chi piangeva veniva lasciato solo e sgridato, umiliato e qualche volta preso a schiaffi o messo in un angolo con le mani in testa; qualche bimbo è stato tirato giù con forza dalla brandina. Elementi di prova sono poi emersi dai messaggi scambiati dalle insegnanti su WhatsApp e dai racconti di altri genitori. Nei prossimi giorni le tre maestre sosterranno gli interrogatori di garanzia davanti al gip che ha firmato il provvedimento cautelare. La vicenda ha sconvolto la comunità di Casapulla.

    Tags
    maetreschiaffigridaviolenzaminori
    COMMENTA