Cronaca

Rincorre il rapinatore: l'edicolante Luigi Ramacci ha un malore, si accascia e muore.

  • Era anche riuscito a recuperare il bottino. Gli abitanti del quartiere sono sconvolti per la sua morte
  • Ha rincorso il ladro che gli aveva rubato pochi spiccioli in cassa, poi è morto un’ora dopo. Il 63enne Luigi Ramacci, titolare di un’ edicola su via Portuense, all’incrocio con via degli Irlandesi, si è accasciato dentro il chiosco di giornali che gestiva da molti anni. Inutile l’intervento dell’ambulanza del 118, arrivata dopo pochi minuti. Il furto e l’inseguimento a piedi per le strade del quartiere sono avvenuti intorno alle 8 di ieri mattina davanti a decine di testimoni che stavano andando a lavorare. Sono stati proprio alcuni passanti a chiamare i carabinieri, che si sono messi sulle tracce del malvivente.

    Testimonianze e immagini delle telecamere di videosorveglianza della zona sono al vaglio dei militari della compagnia Eur e della stazione di Villa Bonelli che stanno indagando sull’accaduto, anche per ’ipotesi di reato di morte in conseguenza di altro reato. Ovviamente sarà l’autopsia stabilirà se c’è un nesso tra il furto e la morte dell’edicolante. Secondo quanto ricostruito dai detective, la tragedia si sarebbe consumata mentre Luigi Ramacci stava sistemando i giornali sugli espositori e sugli scaffali. In quel frangente un uomo è entrato dentro l’edicola e ha afferrato pochi euro dal fondo della cassa. Proprio in quel momento il titolare lo ha visto fuggire, così è stato spontaneo tentare l’inseguimento a piedi fino al benzinaio della strada, dove il ladro (placcato da altre persone) ha restituito il denaro che razziato. «Nel quartiere Luigi era conosciuto e benvoluto da tutti - raccontano gli abitanti di via degli Irlandesi - siamo sconvolti».

    Tags
    rapinatoriedicolantemalviventefurto
    COMMENTA