Curiosità

"Mio figlio si sente come una ragazza": La madre fa una festa per la rivelazione

Dopo un lungo processo di assimilazione, Zoe ha fatto una cerimonia speciale per sua figlia, Avery, per dire a tutti che è una ragazza. Non esiste una formula magica per crescere un figlio. Ogni famiglia vive la sua realtà in un modo che non sempre piacerà a tutti. 

E la creazione porta con sé le tracce di innumerevoli generazioni precedenti con l'aggiunta di tutto ciò che ora è vissuto. Le dinamiche di uno non saranno sempre le stesse dell'altro e, infatti, è molto più facile essere completamente diversi.

Madre Zoe Lynn ha attraversato qualcosa che poche famiglie hanno vissuto o quello che hanno cercato di fare, in un post su Facebook. Ha fatto una rivelazione di genere in modo che suo figlio potesse dire ad amici e familiari che in realtà era una ragazza.

La cerimonia è stata organizzata, secondo Zoe, come un modo per accogliere e dare forza al bambino, che ora si chiama Avery. La storia è emozionante e mostra come ha scoperto e parlato con sua figlia della transizione, sottolineando che, sì, ha sofferto molto con l'intera storia.

Zoe non ha mai creduto che vestiti, colori e giocattoli fossero di genere. Quindi, ha sempre lasciato che i suoi figli facessero le proprie scelte nel corso degli anni. Poi, quando suo figlio aveva 5 anni, ha ricevuto una telefonata dal marito, che gli diceva che il bambino gli aveva detto che la sua vita non era andata come previsto e che era meglio che qualcuno lo "pugnalasse alla gola".

Sentendo ciò, era completamente scioccato. Com'è potuto accadere che un bambino così piccolo, che non capisce nemmeno la profondità della vita e della morte, dicesse qualcosa del genere? Era la sua peggiore sensazione. Riferisce di essere stata presa dal panico proprio lì, dov'era, ha parcheggiato a scuola e ha deciso di chiamare tutti coloro che potevano aiutarla con qualsiasi consiglio.

La madre era più calma e ha detto che le sarebbe piaciuto aiutarlo, chiedendogli di nuovo cosa non fosse andato come previsto. Fu allora che il bambino ripeté le parole dette a suo padre, che avrebbe dovuto essere una femmina, ma che era nato maschio, quindi avrebbe dovuto pugnalarsi alla gola.

Zoe non era preparata per questo, anche se credeva di essere abbastanza empatica, abbastanza aperta, c'erano molte informazioni da digerire. Anche se ha infranto i ruoli di genere e gli stereotipi, ancora niente l'aveva preparata per quel momento. Tuttavia, è andato in un negozio vicino a comprare vestiti.

Lungo la strada, Zoe ha voluto dire a suo figlio che poteva essere una ragazza e che c'erano persone proprio come lui, che si sentivano esattamente allo stesso modo. Ha spiegato che avevano amici di famiglia che si sentivano allo stesso modo, che erano nati in un modo, ma che si sentivano sempre in un altro. In seguito, si sono fermati presso una libreria, la madre voleva comprare tutti i libri possibili che parlavano dell'argomento in merito.

Una settimana dopo, la figlia era seduta sul suo letto, leggendo una delle storie a se stessa, quando ha ringraziato la madre per averle insegnato le persone transgender. Ha detto che non l'aveva più fatta sentire sola al mondo.

Zoe chiede, nella sua pubblicazione, che nessuno la fraintenda. Era molto triste per l'intera situazione, ha pianto molto per tutto quello che è successo. Si era innamorato di un bambino per anni ed era molto dispiaciuto di aver scelto il nome di un ragazzo e di avergli presentato cose "per un ragazzo" che sua figlia avrebbe passato il resto della sua vita cercando di dimenticare.

Ma Zoe ha smesso di piangere, perché per quanto si senta come se avesse lottato, la vita sarà ancora molto più difficile per sua figlia. Infine, dice di essere molto orgogliosa di essere la madre di una bambina di sei anni e presenta a tutti sua figlia Avery.

Se questo articolo ti è piaciuto, lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!

Tags
emozionisentimentipensieribambinofemminamaschiogeneromadre
COMMENTA