Manuel Vallicella si è tolto la vita a 35 anni. Il tatuatore che aveva preso parte alla trasmissione di Canale 5 Uomini e Donne nel 2016, prima come corteggiatore di Ludovica Valli e poi come tronista, aveva abbandonato la tv per dedicarsi al suo lavoro. Da tre anni soffriva di depressione, da quando sua madre era morta.

«Non si drogava ed era sano come un pesce», ha raccontato a Fanpage, Enrico Ciriaci, amico di Manuel «Soffriva di depressione da quando, tre anni fa, era morta sua madre ma mai avremmo pensato che si sarebbe tolto la vita. Non era il tipo di persona che esterna i suoi problemi, teneva tutto dentro». Manuel aveva iniziato a lavorare a 15 anni come operaio metalmeccanico, voleva divetare calciatore ma poi la vita aveva preso una strada diversa fino a quando non è arrivato in tv.

Conosciuto come corteggiatore prima e poi come tronista era entrato nelle simpatie del pubblico, ma non è mai sfuggita la sua fragilità e il suo essere sempre critico con se stesso. Nel video di presentazione diceva: «Troppe volte nella mia via ho lasciato a metà per il mio carattere tante situazioni, soprattutto le persone belle. Non sono un ragazzo perfetto, per certi aspetti sono da evitare e non è facile starmi vicino»

Si definiva taciturno e silenzioso: «Non parlo molto ma parlare poco non vuol dire non avere carattere; il carattere lo dimostri quando cadi e ti rialzi e a me nella vita purtroppo è successo molte volte. Credo in tutto quello che il mio cuore sceglie prima della mia testa». Infine aggiungeva: «Nella mia vita ho più perso che trovato ma ho capito che non bisogna mai smettere di trovare».

Già in quella intervista parlava della sua passione per i tatuaggi, passione che era diventata un lavoro, e anche in quella occasione un pensiero era andato all'amata mamma: «La mia mamma è la mia regina, la mia forza e il mio punto debole».