EmozioniLe persone felici non rompono le scatole

17/07/2018 - 11h

Comune nei social network, questa frase ci fa riflettere sulla verità che esprime. La rete ci espone costantemente a possibili critiche su chi siamo e cosa pensiamo. Con il passare della vita e delle esperienze, ci vediamo ad un livello di maturità mai raggiunto prima. Diventa facile "guardare indietro" e vedere sé stessi nelle diverse persone che conosciamo: nei tuoi atteggiamenti e nelle tue opinioni.

Ogni età e maturità consente un certo comportamento e determinate reazioni. Ci vuole tanto tempo per guardarti in modo trasparente e davvero vedere te stesso. Il più delle volte ciò non avviene nel tempo presente. È negli anni che guardiamo cosa è andato o cosa è stato fatto, e finalmente vediamo quello che siamo stati e ciò che abbiamo fatto, con chiarezza. Quindi, si può pensare alla veridicità della frase che chiama questo testo.

La felicità, quando arriva, arriva con pienezza, calma, serenità. La felicità porta amore agli altri, indipendentemente da chi siano. La felicità ci permette di vedere qualcosa di sbagliato e tuttavia di rispondere generosamente e gentilmente. Questo accade raramente quando siamo feriti dall'interno e siamo ancora immaturi. Anche se sono in una brutta giornata o in una fase negativa, se ho la felicità di essere quello che sono e il risveglio della coscienza, non credo di essere indelicato con qualcuno per risolvere il mio difficile giorno o fase.

Se vedo qualcuno che attraversa la strada con il semaforo rosso o un'auto che si ferma sulla corsia pedonale, riuscirò a catturare la tua attenzione senza essere aggressivo. O semplicemente ignorerò il fatto, con la consapevolezza che quella persona è solo ad un livello di maturità diverso dal mio. Quello che voglio dire è che la felicità e la maturità ci permettono di vivere senza il fastidio di piccole cose e differenze.

Se la pace è dentro di me, un'opinione diversa dalla mia è proprio questa: un'opinione diversa dalla mia, e accetto l'espressione di un pensiero che diverge dal mio. I veri felici criticano, sì, ma in un modo amorevole, gentile ed efficace, questo suona e arriva come un consiglio o un suggerimento. C'è una grande differenza nel non avere la stessa opinione o non essere d'accordo con qualcosa. Ma la gentilezza nell'esprimere o ignorare il fatto differisce completamente dal diventare un aggressore a causa di ciò che preoccupa.

Tags
emozionifelicepersoneromponoscatolematurità